Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Manuel Raffanini, Active Games Ongame: ‘Il network di gaming b2b e di poker online è ancora in crescitaì

Active Games è nata come brand nel gennaio 2012 ed è stata fondata dai padri di Gd Poker. Si tratta di un progetto totalmente italiano, che è partito con il poker e si è poi allargato a tutti gli altri prodotti da gioco. Al momento nel nostro portfolio ci sono tutti i prodotti e disponibili anche su mobile: siamo gli unici in Italia. L’obiettivo era quello di creare un’azienda che si occupasse solo della gestione del network e del B2B puro. Per questo motivo non abbiamo una concessione di gioco, dunque non siamo concorrenti diretti dei nostri partner ci dedichiamo al 100% ai nostri prodotti”.E’ quanto dichiara Manuel Raffanini, General Manager di Active Games, la società che ha stretto ormai accordi con 25 operatori tra cui GD, bwin, BetPro, Enjoybet, Glaming, Admiral Group, Betflag, Casinò di Venezia, Unibet, Cirsa e tanti altri ancora per un network che punta a crescere ancora e che sfida il futuro.

Nell’intervista Raffanini sembra chiarire involontariamente che l’addio di GD Poker e Bwin per la vendita di Ongame ad Amaya Gaming, e il conseguente passaggio sulla piattaforma PartypOKER non dovrebbe impedire al network in questione di proseguire con successo: “Altri cinque o sei operatori arriveranno verso la fine dell’anno, mentre tra quindici o venti giorni dovremmo iniziare anche con Intralot. – ha aggiunto Raffanini – La nostra filosofia si basa su tre punti chiave: non siamo concessionari dunque non siamo concorrenti dei nostri stessi partner, proponiamo un’offerta a 360° sia per il gioco fisico che per l’online, tanto che i nostri clienti aderiscono a quasi tutti i nostri servizi, e non esistono esclusive contrattuali per cui un operatore che ha un contratto annuale con noi per uno o due prodotti può rivolgersi anche a provider diversi per altri prodotti”.

Quali sono le sfide che, invece, il mercato deve portare avanti? “Un ulteriore passo, però, andrebbe fatto nella lotta al gioco non autorizzato anche se credo che molto sia stato già fatto – ha concluso Raffanini – Adesso c’è bisogno di un sistema che operi con un approccio internazionale, con un palinsesto più libero e più ampio. E’ necessaria introdurre la liquidità internazionale e poi bisognerebbe creare un tavolo di confronto tra Aams e operatori per lo studio di nuovi prodotti tenendo conto delle esigenze del gioco in Italia”.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.