Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Marco Ruggeri, Sisal Poker: ‘Un pò d’amarezza per l’eliminazione dal main Wsop ma grande successo e torno a giocare online’

“Finisce così questa bellissima avventura al main event delle Wsop, 157esimo migliore tra gli italiani e 52,718$ in tasca. Nonostante l’amarezza per come è andata alla fine sono veramente contento per l’andamento generale del torneo e il risultato ottenuto. Sicuramente per essere arrivato fino a qua sono stato molto fortunato, penso di aver giocato discretamente per le mie capacità, ma sono consapevole di aver fatto diversi errori”. Marco Ruggeri di Sisal Poker è il migliore degli italiani nel torneo più importante del pianeta e commenta così la sua performance.Anche se gli eventi ormai sono tantissimi, è questa la platea migliore e quindi standing ovation per un ottimo risultato, in ogni caso. Arrivavano notizie strane di un Ruggeri a 2 milioni di chips ieri notte e l’errore di un blogger Usa c’aveva riportato a quelle notti magiche di Filippo Candio che era sempre lì, fino ad arrivare allo storico final table. Ruggeri ha chiuso 157esimo perché, come dice lui, è stato sfortunato, ma perché ha skills e per arrivare così in fondo non può bastare solo la fortuna.

Qualche rammarico per una mano con AK che poi egli stesso spiegherà meglio. “Ora si torna a macinare online e grazie a tutti per il tifo”. Eccola qua la sintesi del player professionista: il main Wsop è stato un sogno, un tentativo, uno sfizio forse. La realtà è quella di tutti i giorni, del grinding online senza lasciarsi ubriacare da chissà quali mondi che forse appartengono solo a poche centinaia di professionisti. Insomma si torna al lavoro ma si torna da Las Vegas col segno più.

Alessio Isaia e Massimo Mosele hanno lottato come leoni. Il fabbro, poi, ha ottimizzato le sue 189,000 chips portandosi alla fine in 281esima posizione e se avesse chiuso il giorno precedente con più gettoni davanti chissà dove sarebbe finito.

Maxshark prende una Q sul flop ma l’avversario ha K8 in mano e un trips chiuso sul flop. Esce spingendo e senza poterci fare nulla. Per lui un’ottima 224esima posizione a dimostrazione delle sue qualità di torneista e della sua continuità negli mtt live.

Ecco gli italiani a premio

157° Marco Ruggeri 52.718$
224° Massimo Mosele 44.655$
281° Alessio Isaia 34.453$

Intanto in vetta chiude il day6 Kyle Keranen con quasi 7 milioni di chips, player di Las Vegas e che gioca in casa sperando di chiudere una soddisfazione doppia da qui alla fine del main event. Dura per gli europei anche se tra i primi 8 ne troviamo ben tre, lo svedese Hellmann, il tedesco Haerig che potrebbe emulare Pius Heinz campione l’anno scorso e quindi l’ottavo, il francese Baumann. Maag, altro tedesco è decimo, poi Heitmann sedicesimo ma poi in generale strapotere Usa.

I migliori 10:

1 Kyle Keranen 6,935,000

2 Robert Salaburu 6,195,000

3 Taylor Paur 5,820,000

4 Erik Hellman 4,715,000

5 Wilfried Haerig 4,505,000

6 Shahriar Assareh 4,395,000

7 Charles Coultas 4,015,000

8 Gaelle Baumann 3,980,000

9 Fabrizio Gonzalez 3,935,000

10 Nicco Maag 3,895,000

(foto ItaliaPokerClub)

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.