Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Merson, Sylvia e Balsiger stanotte si giocano il titolo mondiale Wsop a Las Vegas

Ci sono volute otto ore di gioco per arrivare ai 3 players left al tavolo finale del Main Event delle World Series Of Poker 2012 che è stato trasmesso su POKERItalia24 grazie alla poker room Enjoybet.it, sponsor dell’evento. Comanda quello che da molti è stato dato per favorito e cioè, Greg Merson da Laurel, Maryland. Con lui Jesse Sylvia che ha incrementato il suo stack da chip leader di altri 18 milioni di chips ed ora è secondo e può giocarsi ancora il titolo mondiale e Jake Balsiger che ha giocato, almeno nei primi livelli del final table, un ottimo poker.

Ma Greg Merson ci è sempre piaciuto e, mano a mano che i players sono usciti, alla fine alla distanza è uscito lui dominando il gioco. In effetti continua la sua ottima striscia positiva di risultati che gli ha regalato un 2012 da urlo.

Quando il field del tavolo si è ristretto il suo gioco aggressivo e tecnico ha avuto la meglio. Non a caso ha vinto il 10,000 dollari No Limit hOld’em 6-handed per un braccialetto a 1,1 milioni di dollari ma ha centrato un final table nel nuovissimo 4-handed e un altro piazzamento al 6-handed da 3,000 dollari raccogliendo comunque dei premi limitati rispetto a quello che gli aspettava.

Ora ci sono gli 8,5 milioni a fargli gola.

Il suo risultato da più valore ad un final table che, comunque, non presentava skill enormi rispetto agli ultimi tavoli. Specie quello del 2010 che ci piace sempre ricordare ma dove sedevano un certo Filippo Candio in compagnia di Jonathan Duhamel, Joseph Cheong, Michael Mizrachi. Tutta gente che nel circuito si è poi affermata mentre The Grinder si è consacrato e quest’anno ha confermato le sue doti.

L’altro tema che arricchirà la finalissima di stasera si chiama Jake Balsiger: può essere il più giovane di sempre a vincere un titolo mondiale dopo i record di Hellmuth e Eastgate. E’ terzo in chips ma, come detto, il suo gioco è di qualità. La sfida sembra accendersi sempre di più.

Il primo eliminato comunque è stato Steve Gee che, in all in con 88 ha trovato due ‘donne’ allo showdown di Russel Thomas su un board apparentemente anonimo.

A seguire out Robert Salaburu che sul big blind con coppia di 7 chiama l’all in di Sylvia con Q5 di fiori: al river cade una donna che elimina Saluburu e conserva al chip leader momenti di gloria.

Michael Esposito è uscito in settima posizione contro Gerg Merson in uno scontro standard AJ vs. AK senza sorprese. Poi escono Andras Koroknai, il bulgaro dello ‘scandalo’ nella mano contro la povera Baumann che rimase con due kings in mano e, il bulgaro, sbagliando si salvò. Escono Jeremy Ausmus e Russel Thomas che ferma la sua corsa in quarta piazza per 2,8 milioni di dollari, dove i premi iniziano a farsi più succulenti.

Ecco il chip count:

  • Greg Merson, 88,350,000

  • Jesse Sylvia, 62,750,000

  • Jake Balsiger, 46,875,000

Payout

  • 4 Russell Thomas, $2,851,537

  • 5 Jeremy Ausmus, $2,155,313

  • 6 Andras Koroknai, $1,640,902

  • 7 Michael Esposito, $1,258,040

  • 8 Robert Salaburu $971,360

  • 9 Steve Gee $754,798

 

Ci sono volute otto ore di gioco per arrivare ai 3 players left al tavolo finale del Main Event delle World Series Of Poker 2012. Comanda quello che da molti è stato dato per favorito e cioè, Greg Merson da Laurel, Maryland. Con lui Jesse Sylvia che ha incrementato il suo stack da chip leader di altri 18 milioni di chips ed ora è secondo e può giocarsi ancora il titolo mondiale e Jake Balsiger che ha giocato, almeno nei primi livelli del final table, un ottimo poker.

Ma Greg Merson ci è sempre piaciuto e, mano a mano che i players sono usciti, alla fine alla distanza è uscito lui dominando il gioco. In effetti continua la sua ottima striscia positiva di risultati che gli ha regalato un 2012 da urlo.

Quando il field del tavolo si è ristretto il suo gioco aggressivo e tecnico ha avuto la meglio. Non a caso ha vinto il 10,000 dollari No Limit hOld’em 6-handed per un braccialetto a 1,1 milioni di dollari ma ha centrato un final table nel nuovissimo 4-handed e un altro piazzamento al 6-handed da 3,000 dollari raccogliendo comunque dei premi limitati rispetto a quello che gli aspettava.

Ora ci sono gli 8,5 milioni a fargli gola.

Il suo risultato da più valore ad un final table che, comunque, non presentava skill enormi rispetto agli ultimi tavoli. Specie quello del 2010 che ci piace sempre ricordare ma dove sedevano un certo Filippo Candio in compagnia di Jonathan Duhamel, Joseph Cheong, Michael Mizrachi. Tutta gente che nel circuito si è poi affermata mentre The Grinder si è consacrato e quest’anno ha confermato le sue doti.

L’altro tema che arricchirà la finalissima di stasera si chiama Jake Balsiger: può essere il più giovane di sempre a vincere un titolo mondiale dopo i record di Hellmuth e Eastgate. E’ terzo in chips ma, come detto, il suo gioco è di qualità. La sfida sembra accendersi sempre di più.

Il primo eliminato comunque è stato Steve Gee che, in all in con 88 ha trovato due ‘donne’ allo showdown di Russel Thomas su un board apparentemente anonimo.

A seguire out Robert Salaburu che sul big blind con coppia di 7 chiama l’all in di Sylvia con Q5 di fiori: al river cade una donna che elimina Saluburu e conserva al chip leader momenti di gloria.

Michael Esposito è uscito in settima posizione contro Gerg Merson in uno scontro standard AJ vs. AK senza sorprese. Poi escono Andras Koroknai, il bulgaro dello ‘scandalo’ nella mano contro la povera Baumann che rimase con due kings in mano e, il bulgaro, sbagliando si salvò. Escono Jeremy Ausmus e Russel Thomas che ferma la sua corsa in quarta piazza per 2,8 milioni di dollari, dove i premi iniziano a farsi più succulenti.

Ecco il chip count:

  • Greg Merson, 88,350,000

  • Jesse Sylvia, 62,750,000

  • Jake Balsiger, 46,875,000

 

Payout

  • 4 Russell Thomas, $2,851,537

  • 5 Jeremy Ausmus, $2,155,313

  • 6 Andras Koroknai, $1,640,902

  • 7 Michael Esposito, $1,258,040

  • 8 Robert Salaburu $971,360

  • 9 Steve Gee $754,798

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.