Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

[Mini] intervista a Patrik Antonius

 

In occasione del Grand Finale dell’EPT a Montecarlo, il super pro finlandese di Full Tilt Patrik Antonius – che a Monte Carlo ci vive – ha dato una delle sue rare interviste, in questo caso ai nostri colleghi di Pokernews. Patrik, comunque, non si contraddistingue sicuramente per la parlantina.

L’ultima analoga intervista la aveva data un anno fa nella stessa occasione. Nel frattempo, risponde, le cose gli sono andate “bene”. È stato solo molto “occupato”. Non ha intenzione di portare gli altri giocatori in giro per la città: “non fa per me girare con altri giocatori. Preferisco stare da solo.” Non ha intenzione, dice, di giocare molto a golf, perché ha altri affari, altri sport. Quali, però, non è dato sapere: “altri”.

Tornando più al poker, dice di giocare quasi solo questo torneo perché è sotto casa sua: “mi alzo, faccio colazione, e sono al torneo.” Anche Sanremo – 40 minuti in auto – è troppo lontana. Con tutti i grossi nomi presenti all’evento – Phil Ivey, Roland De Wolfe -, ha cercato di fare qualche side bet sul suo risultato, ma nessuno ci è stato, “il che è un bene, dato che ho solo 15k fiches”. [Patrik è uscito dall’evento poco dopo ndt]. L’intervistatrice suggerisce che gli altri possano aver paura a scommettere contro Patrik, ma lui si schernisce: “è dal 2005 che non mi piazzo bene…”

“Ma non fai risultati perché non giochi tornei

“Sì…probabile”

fonte: http://www.pokernews.com/video/ept-grand-final-2010-patrik-antonius-80021432001.htm

 

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.