Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Molly Bloom si dichiara colpevole ma la pena per le partite high stakes è irrisoria

Molly Bloom, la ‘poker princess’,si è dichiarata colpevole dell’organizzazione di partite di poker illegali che vedevano coinvolti nomi noti dello stardust statunitense.

In molti facevano capo a lei per avere notizie sull’organizzazione di partite di poker cash game ad alti limiti che coinvolgevano vip, attori di Hollywood, imprenditori e businessman. Davanti al Tribunale di New York ha dovuto pagare la multa da $125.000 che le è stata comminata mentre dovrà scontare sei mesi di carcere, con la condanna che sarà effettiva a partire dal prossimo 30 aprile.

Una pena che avrebbe messo in ginocchio un cittadino qualunque mentre per la Bloom è possibile che si tratti di qualche spiccio visto le partite milionarie che era usa organizzare. La Bloom ha ammesso di essere una delle menti organizzative di tali serate e di arricchirsi con la rake che prelevava da ogni singola mano di poker giocata da, pare, Ben Affleck, Leonardo DiCaprio, Matt Damon e Tobey Maguire. Partite alle quali non disdegnavano di partecipare anche alcune stelle dello sport come Alex Rodriguez, stella della MLB.

 

Partite che furono scoperte quando il banchiere Brad Ruderman fu denunciato dai suoi investitori allor quando trovarono svuotate di oltre $35 milioni le casse del fondo fiduciario da lui gestito, scoprendo che Ruderman li avevi persi giocando a poker in queste serate organizzate da Molly Bloom.

 

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.