Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Numeri bassissimi per il poker online in Nevada, MGM conferma il no alla licenza

“Non abbiamo lanciato il poker online in Nevada perché abbiamo ritenuto che il poker in questo Stato non sarà un’attività profittevole. La nostra azienda ha sempre preferito che gli sforzi viaggisssero nella direazione di un poker a livello federale. Ma penso che il nostro ottimismo non solo sia già diminuito ma è ormai crollato drasticamente”.

A smontare gli entusiasmi per il lancio del poker online nello Stato nel Nevada è il Ceo di MGM, Jim Murren che ha rilasciato un’intervista corposa sull’attività della sua società che ha molti casinò nel Nevada e in giro per il mondo.
Una dichiarazione importante e che fa riflettere visto che le statistiche di PokerScout non si discostano molto dall’opinione di Murren, Ultimate Poker ha attualmente una media di 132 giocatori a settimana di traffico e il rivale unico Wsop.com, ne ha 126. Numeri certo non enormi.
Il direttore del marketing e Operations Officer di Ultimate Gaming, Joe Versaci ha ammesso che il mercato del poker nel Nevada è in effetti più modesto di quanto si aspettavano. Ma rimane un mercato fondamentale nel contesto del gioco online degli Stati Uniti. “Sono fiducioso che il Nevada dimostrerà di essere un pezzo importante per l’industry americana del gaming online .Le mosse del Nevada e del New Jersey sono fondamentali per avviare un processo di rinascita del gioco online in Usa”.
Ovviamente secondo Versaci “dovranno essere i giocatori ad abbracciare e sostenere il poker statale. Scegliere i siti legali significherà farli crescere inevitabilmente”. Ma i numeri modesti rimangono, per ora.

 

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.