Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Party Poker in continua discesa

C’è stato un periodo, non troppo tempo fa, nel quale Party Poker sembrava controllare l’intero mercato del poker online. C’è stato un periodo, che voi ci crediate o meno, nel quale altre poker room come Pokerstars e Full Tilt Poker rincorrevano PartyPoker. Party Poker era un colosso da 800 milioni di sterline grazie alle campagne di marketing e all’acquisizione di numerosi affiliati. Ora le cose sono cambiate. Le cose hanno cominciato a mettersi male per Party nel momento in cui hanno deciso di quotare la società in borsa. Quotare la società in borsa significava dover uscire la mercato statunitense una volta approvata l’UIGEA attraverso il SAFE Port Act. Nel frattempo si vociferava che Pokerstars avrebbe seguito la stessa strada di Party ( ovvero diventare una società quotata in borsa ). Ma come sarebbe oggi il mercato del poker online se Pokerstars fosse quotata in borsa e non accettasse giocaori statunitensi?

Comunque Party Poker in breve tempo, dopo aver abbandonato il mercato statunitense ha perso il primo posto nella classifica mondiale delle poker room. Come è facile immaginare uscire dal più grande poker-mercato significa perdere la leadership. Comunque Party non ha deciso di fare grandi passi da quando ha lasciato il mercato statunitense. Di sicuro stanno crescendo, ma altre poker room e network li stanno sorpassando o sono in procinto di farlo.

Uno di questi è il network iPoker. Stando ai numeri di Pokerscout, il network in questione ha recentemente sorpassato Party per numero di giocatori di cash game connessi nello stesso momento. Infatti, sempre stando a quanto si legge su Pokerscout il network iPoker ha una media di 9825 real money cash players contro i 9365 di Party e anche il picco di real money cash players in 24 ore è maggiore rispetto a quello di Party.

Ma questo cosa sta a significare? Significa che stando alla media settimanale di giocatori di cash Party Poker è al momento al terzo posto preceduta da Full Tilt con Pokerstars ovviamente al primo posto. Ma se le cose non assumono una piega diversa Party Poker a breve scenderà al quarto posto, sorpassata da iPoker. Anche il network Ongame si trova a breve distanza da Party, in quinta posizione. Sempre secondo Pokerscout Ongame ha circa 7846 cash game players, circa 1500 meno di Party. Questo network sta crescendo molto rapidamente per cui non dovremmo sorprenderci se riuscisse nell’arco di 3-6 mesi ad agganciare Party Poker. La domanda è: cosa può fare Party per riprendersi un po’ di gloria? O è ormai troppo tardi?

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.