Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Pattidanti: ‘Zuckerberg mi blocca ma io amo alla follia il poker e la vita!’

Mark Zuckerberg mi regala un profilo ogni 100 link che spammo su Facebook. Poi per non dimostrare la sua simpatia per me ogni tanto mi blocca per spam ma io passo nell’altro profilo e ricomincio. Scherzi a parte amo il poker e le tante belle persone che ruotano attorno ad un settore capace anche di fare charity e scoprire bei valori”.

 

Patrizia ‘Patty Pattichiari’ Danti, il dito più veloce del social, se un player ha un account Facebook non può non conoscerla. Così come non può non conoscerla chi gioca i tornei di poker di tutta Italia. 

Ma come dice lei, scherzi a parte, andiamo a scoprire la sua vita e la sua vita collegata al poker. “Ho sempre giocato al classico poker tradizionale in casa tra fumi e alcool, poi mio figlio (pensate che madre degenere posso essere) mi ha consigliato il Texas Hold’em. Non l’avesse mai fatto! Per imparare mi regalò il Pc e mi insegnò come iscrivermi ad una room e da lì la degenerazione è stata totale”.

L’incontro con il poker non arriva nel momento più bello della tua vita: “Lavoravo in ceramica e pensavo alle strategie da attuare, poi la ceramica fallì e con un mare di tempo libero pensai bene di rompere la palle a un pò di gente, ovviamente su suggerimento di Zuckerberg”.

Il poker non è solo professionismo ma anche un mondo pieno di valori e sentimenti positivi: “Pur non avendo grandi possibilità amo organizzare o collaborare a tornei per beneficenza, no profit ,tipo l’ultimo (per citarne uno) il Pokerecord che con gli utili ha aiutato i terremotati della mia terra, l’ Emilia Romagna”.

Valori belli e sinceri come l’amicizia: a chi sei più legata nel poker, chi stimi di più? “Ci sono tanti nomi storici da fare che ammiro e stimo e ne citerò alcuni senza offesa per gli altri,ma non posso fare un elenco telefonico. Quindi diciamo: Salvatore Bonavena, Dario Minieri, Luca Pagano, Luca Moschitta, il Team pro on line di PokerStars, amici sempre disponibili che adoro”.

E tra le donnine? “In un heads up femminile sceglierei senza ombra di dubbio il mio mito: Jennifer Harman!”.

Nonostante tutto metti una grande passione nel poker: “Io vivo con passione tutto, la vita il poker, non c’è nulla che io faccia senza passione è il motore che mi spinge ad andare avanti nonostante i problemi di salute che combatto da anni. Vivo di amore, pane e poker, tutto il resto è una terribile e pallosa noia”.

Quali sono le tue più grandi emozioni nella vita e nel poker: “La nascita dei miei figli, ovviamente, il primo avuto a soli 18 anni che mi ha reso nonna direi abbastanza giovane. Nel poker tante emozioni, ma la più grande riuscire ad arrivare al Final Table del Ladies Event ISOP ed uscire quarta, nonostante stessi malissimo, non lo dimenticherò mai!”.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.