Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Phil Ivey: questa mano non mi lascerà mai

Se ne è discusso anche qua su cbet: l’incredibile errore di Phil Ivey al main event delle WSOP, quando con ventiquattro giocatori rimasti nasconde un colore vincente al river su un piatto enorme,   è stato discusso moltissimo in questi giorni sul web.

Nel suo audioblog su Poker Road, Barry Greenstein dice di aver telefonato ad Ivey dopo aver visto l’episodio per chiedergli cosa diavolo fosse successo. Se osservate la mano (video, la mano inizia a circa 5′) sembra che Phil realizzi il suo errore subito dopo e che sia schifato da se stesso, ma non è così. A sentire Greenstein, Ivey non aveva idea di aver nascosto un colore, e la prima cosa che ha chiesto al telefono è stata se per caso non fosse possibile che all’ESPN si fossero confusi ed avessero mostrato le carte di un’altra mano. La reazione di Ivey e la sua faccia costernata sono invece causate dall’aver scoperto che Jordan Smith, a cui ha regalato il piatto, aveva rilanciato di tre volte la sua puntata, fuori posizione con A9o. “Questa mano non mi lascerà mai”, ha detto Ivey a Greenstein. Per quest’ultimo, comunque, l’errore non è niente di eccezionale, e sarebbe potuto capitare a chiunque. Anche al migliore del mondo.

Se non volete vedere il video, ecco com’è andata. Ivey rilancia in posizione avanzata con 8p8q e Jordan Smith rilancia da grande buio con Aq9f, ed Ivey vede. I due poi passano fino al river, che è un asso di picche. Dopo l’ultimo giro, Smith dichiara di avere un asso, Ivey – che ha chiuso colore runner runner – aspetta di vedere le carte dell’altro e poi lascia nascondendo le sue.

 

fonte: http://coinflip.com/news/phil-ivey-hand-never-gonna-leave-me.html

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.