Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
zoomplay-jpg

PierPaolo Fabretti, team pro PokerStars.it: ‘Ecco alcuni consigli per giocare a Zoom Poker’

“Non vedevo l’ora di giocare lo Zoom poker! Ritengo sia un’ottima opzione per tutti i giocatori, dall’amatore fino al professionista; darà la nuova possibilità di fare sessioni veloci ma comunque importanti come numero di mani e per quanto mi riguarda credo possa essere molto utile nella corsa alla riconferma dello status di supernova elite. Inoltre sono convinto che sarà un ottimo volano per il traffico su tutta la piattaforma”. PierPaolo Fabretti, membro del Team PokerStars pro Italia commenta il lancio di Zoom Poker di PokerStars.it  per Gioconews.it a poche ore dall’inaugurazione dei primi tavoli.

Barbara Beltrami, PokerStars.it: ‘Siamo orgogliosi di lanciare Zoom Poker, dedicato ai nostri players’

Al di là delle sensazioni e delle emozioni per l’evento online ci spingiamo oltre e chiediamo consigli e insegnamenti tattici ad uno dei migliori player d’Italia.

Come cambierà il gioco nella piattaforma l’introduzione di Zoom? “Sono convinto che l’introduzione della modalità Zoom possa essere un evento davvero positivo per il poker online principalmente per due ordini di motivi. Da una parte va ad offrire una nuova ed eccitante esperienza di gioco, una modalità veloce, immediata e sopratutto divertente che attirerà tanti nuovi giocatori, dando allo stesso tempo la possibilità al giocatore abituale di sviluppare nuove dinamiche di gioco e di poter raggiungere più velocemente i propri obiettivi per quanto riguarda sia i volumi di gioco giornalieri sia sopratutto per quanto concerne i target annuali del vip sistem (supernova, supernova elite). In secondo luogo, a parer mio, con l’introduzione dello zomm poker andremo ad avere una modalità di gioco che si adatta perfettamente a poter essere fruita sui vari supporti mobili, quali tablet e smartphone, cosa che non può che essere estremamente positiva sia per l’incremento del traffico sulla piattaforma sia per l’utilizzo di tali device da parte dell’utente finale”.

Addentriamoci nei meandri della tecnica: che differenze ci sono tra Zoom e i tavoli classici? “La prima differenza che è subito evidente è il numero di mani giocate nella stessa unità di tempo, che chiaramente aumentano esponenzialmente. Altra differenza fondamentale è il continuo modificarsi della composizione del tavolo che ci darà meno punti di riferimento e possibilità di lettura degli avversari; infine il fatto che la possibilità di poter foldare velocemente la nostra mano ricevendone subito un’altra tende generalmente a far giocare un po’ più chiuso il giocatore medio, fattore da tenere in grande considerazione nella costruzione della nostra strategia di gioco”.

Quali consigli di base daresti ad un neofita della modalità ‘fast’? “Come già accennato in precedenza ci sono degli accorgimenti di base da zoomplay-jpgadottare nella scelta della nostra strategia nell’approccio ad un tavolo di zoom poker rispetto ad uno in modalità standard. La prima cosa da considerare è già nella gestione del tavolo. Ricordate che giocherete molte più mani nello stesso periodo di tempo pagando comunque i bui nella stessa proporzione, quindi non commettete l’errore di giocare troppo chiusi solo per la possibilità di avere subito un’altra mano, ma anzi, per rubare più spesso i bui, sfruttate il fatto che molti avversari lo faranno. Altro fattore da tenere in considerazione è il ruotare continuo degli avversari al tavolo, cosa che ci darà meno punti di riferimento certi, quindi ponete molta attenzione al cambiare della posizione e sopratutto della profondità dello stack degli avversari. In generale consiglierei una strategia tendenzialmente solida, almeno inizialmente, per poi piano piano allargare i nostri range proprio in considerazione dalla tendenza del giocatore medio a restringere i suoi”.

Fondamentale il mindset secondo Fabretti: “Come abbiamo detto più volte il numero di mani nella stessa unità di tempo è molto maggiore, e se questo può essere positivo quando siamo in condizioni ottimali o per raggiungere più velocemente i nostri obbiettivi di grinding, può essere pericoloso se andiamo in tilt magari a seguito di una bad beat. Quindi tenete ben presente che se la componente di gestione psicologica di noi stessi è fondamentale in generale nel poker, per quanto riguarda lo zoom questo aspetto diviene ancora più importante”, conclude il giocatore di PokerStars.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.