Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Poker Defender: "Non siamo né un virus, né un firewall né un antivirus ma proteggiamo il pc dei players"

Poker Defender non è un antivirus ma un software che si aggiunge alle protezioni di quest’ultimo e blocca le minacce alla visualizzazione dello schermo e protegge sempre e comunque il pc. Il problema non sono le poker room che sono sicure ma la rete internet”. Torna ad analizzare il suo prodotto, Poker Defender, Valerio Pastore il Chairman e Chief Software Architect di Boole Server software factory italiana qualificata e riconosciuta nel mondo per l’approccio innovativo nella difesa assoluta dei dati e delle informazioni contenute sui pc e sui server delle aziende. L’azienda che è stata scelta da Poker Defender per realizzare il loro software e in queste settimane si è scatenato un vero dibattito intorno a questo sistema di difesa del pc.

Ci sono molte precisazioni da fare: “Innanzitutto il nostro prodotto non è un antivirus – attacca Pastore – perché l’antivirus individua già quelli catalogati e sono già noti da mesi e da anni. I più importanti antivirus non proteggono gli attacchi di programmi fatti da hacker che studiano un software dedicato ad attaccare un poker player singolo e neanche gli attacchi alle porte che arrivano dalla rete soprattutto quelli alla visualizzazione dello schermo. Poker Defender protegge sempre lo schermo del pc”.

Non è neanche un Firewall: “Il firewall è in grado di bloccare le porte di comunicazione, ma le configurazioni delle più usate, ad esempio, le porte 80 e 443 sono meno restrittive, specialmente in ambiente domestico . Le protezioni del pc non riconoscono molti dati e non agiscono su queste porte che vengono aperte/utilizzate proprio da virus che attaccano i firewall”.

C’è chi ha detto che non serve comprare Poker Defender perché da soli si può bloccare il pc e lo schermo: “Se si è online siamo esposti sempre a dei rischi. Se si gioca a poker passano tutti i dati dalle porte, anche quelli a rischio contenenti le immagini. Per chiudere con efficacia tutte le porte devo spegnere il pc – prosegue Pastore – si, c’è chi sostiene di avere delle modalità sicure per proteggersi ma noi agiamo a livello di driver e di memoria e difendiamo il pc dagli attacchi allo schermo che è il vero punto debole per chi gioca a poker..

Addirittura c’è chi dice che Poker Defender è un virus: “E’ un prodotto realizzato da una società italiana riconosciuta a livello internazionale e impegnata nella sicurezza di organizzazioni militari ed è impensabile che sia un virus. Ci sono certificati internazionali che attestano la sicurezza dei nostri software”.

C’è comunque da considerare che “Poker Defender è l’unico software al mondo pensato per questo gioco. Lo scopo è quello di non far vedere le carte, proteggere il gioco e il giocatore. Pensate ad un bluff in un piatto importantissimo e l’avversario può vedere le vostre carte. Sarebbe la rovina del poker”.

La sensazione, in ogni caso, è che è stato toccato un nervo scoperto: “Chi sfrutta questi sistemi ha capito che c’è chi ha scoperto il loro inganno. E ora c’è un rimedio e la community sa dove si annida il rischio. Ribadiamo anche che il poker online dot it è sicuro così come sono sicure le room italiane. Il problema è il pc locale e la rete”, conclude Pastore.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.