Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Poker online: la proposta di Barton presentata al Congresso Usa

È stato presentato ieri al Congresso degli Stati Uniti l’ultimo progetto di legge sul poker online, del rappresentante repubblicano Joe Barton. Se dovesse passare, il testo autorizzerebbe una legislatura federale sul poker online per tutti gli Stati.

Questo è il secondo progetto di legge quest’anno, sulla scia di quello presentato dal deputato Peter King di New York, che chiede una regolamentazione per il gioco via Internet, la protezione dei consumatori e l’Enforcement Act del 2013. Ma il disegno di legge di Joe Barton consente solo il poker online e non tutti i tipi di gioco. Nevada, New Jersey e Delaware hanno legalizzato un qualche tipo di gioco d’azzardo online, e le legislature in altri stati stanno considerando di procedere al riconoscimento del gioco via web.

 

La proposta di Barton, chiamata Internet Poker Freedom Act, si applicherebbe solo al poker. “Il poker è un gioco tutto americano. È un gioco che ho imparato da adolescente e continuo a giocare ancora oggi. Proprio come milioni di altri giocatori, mi godo questo gioco in cui serve strategia e abilità – ha detto Barton – e continuo a dare supporto agli americani che vogliono giocare a poker online. Essi meritano di avere un sistema legale, on-shore che assicuri a ognuno di poter giocare in un ambiente onesto e controllato”. Morgan Stanley prevede che entro il 2020, il gioco d’azzardo online negli Stati Uniti produrrà la stessa quantità di reddito dei mercati di Las Vegas e Atlantic City insieme: 9,3 miliardi dollari.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.