Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

PokerStars domina il poker online d’Italia ma grossa incertezza sui dati del mercato

PokerStars.it avrebbe ormai raggiunto una quota di mercato superiore al 50% con un decremento della raccolta pari al 7% che rappresenta una vera e propria vittoria visto che il mercato in generale è sceso proprio del 37%.

In assenza di dati certi che l‘Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato, il mercato italiano si regola solo sulle stime. Queste ultime valutazioni sono state realizzate da Jocelyn Wood, un columnist molto stimato all’estero.
Non si conoscono i dati delle altre poker room ed è difficile fidarsi anche delle stime che circolano. Un’unica slide arrivata da fonti vicine ai Monopoli di Stato, indicava come una quota di PokerClub Lottomatica intorno al 12% tra mtt e cash game e Bwin-GD tra l’8 e il 10%. Dati, anche questi, da aggiornare assolutamente visto che la room di Lottomatica avrebbe perso qualche punto percentuale.
Per quello che riguarda Snai e Sisal le loro quote rimangono ferme a quelle che hanno avuto più o meno dall’inizio del poker ‘dot it’ e cioè intorno 4-6%.
Dati comunque incompleti visto che il mercato italiano ha subito notevoli mutamenti tra fughe di skin e network prima composti, poi smembrati e poi ancora fusi tra room e skin uscite e poi rientrate da nuove composizioni societarie.
In ogni caso rimane la certezza dei dati di PokerStars e la consapevolezza che, qualora il mercato dovesse riassestarsi e gli operatori più seri e affidabili sopravviveranno ai cali di raccolta, molte room potrebbero tornare a crescere o comunque a ritagliarsi una quota stabile di mercato.

 

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.