Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

PokerStars e la denuncia per multiaccounting: players soddisfatti ma qualche dubbio rimane

Soddisfazione ma anche tanti dubbi che rimangono per il futuro. I poker players italiani grazie alle loro segnalazioni e continue polemiche sui forum e sui social network, hanno aiutato PokerStars a lanciare delle indagini interne che hanno portato al congelamento di alcuni conti gioco accusati della cosiddetta pratica del ‘multiaccounting’.

Soddisfazione, come detto, tra i giocatori come quelli del forum di Continuationbet.com, che però non nascondo anche una certa preoccupazione per tanti altri casi che rischiano di rimanere nascosti.

LA POSIZIONE DI POKERSTARS – “A seguito di indagini interne e grazie anche alle segnalazioni ricevute dai giocatori al termine del Sunday Million dello scorso giugno, PokerStars ha svolto delle indagini da cui sono emersi i sospetti che ci sia stato l’utilizzo di un conto di gioco da parte di un giocatore diverso dal suo titolare (il c.d. multiaccounting) durante detto torneo. PokerStars ha quindi sospeso cautelativamente il conto di gioco indagato secondo quanto previsto dalla regolamentazione. Al termine di tali indagini, PokerStars ha deciso di depositare una denuncia-querela in merito a quanto accaduto.

Si rammenta che l’utilizzo del conto di gioco da parte di un terzo diverso dal titolare è non solo espressamente vietato dal contratto di conto di gioco di PokerStars.it, ma può anche integrare gli estremi di una condotta suscettibile di essere sanzionata penalmente. La garanzia di un ambiente di gioco sicuro e privo di irregolarità è una assoluta priorità per PokerStars che procederà analogamente qualora venissero accertati in futuro sospetti di multiaccounting o altre irregolarità nell’attività relative alla piattaforma PokerStars.it.

COSA SUCCEDE ORA?I giocatori si sono chiesti cosa succederà dopo la denuncia di PokerStars.it. Che fine fanno questi giocatori? E i soldi persi magari grazie ad una mano pilotata dai giocatori truffaldini? La room ha risposto ad un utente sui forum che chiedeva proprio queste cose: “Posso dire che i soldi relativi al conto di gioco indagato non sono stati prelevati (i conti indagati per presunte scorrettezze vengono cautelativamente congelati da PokerStars previa comunicazione della sospensione del conto di gioco ad AAMS).

Riguardo il premio vinto dal conto di gioco indagato, sarà l’autorità preposta a disporne eventualmente il sequestro (qualora lo ritenesse opportuno) e a decidere in merito a tale premio. 
PokerStars , qualora la presunta condotta irregolare venisse accertata da parte di un giudice, sarebbe ovviamente lieta di poter redistribuire il premio fra i giocatori danneggiati da tale condotta.”

 

GIOCATORI SODDISFATTI, MA QUALCHE DUBBIO RIMANE – Alcuni pessimisti, alcuni ottimisti. Gli utenti del forum di Continuationbet mostrano approvazione per la scelta di PokerStars di attaccare chi compie scorrettezze e sperano di poter tornare a giocare con grande tranquillità. Tuttavia c’è chi si augura “che non sia un fuoco fatuo ma che si cominci a denunciare con regolarità chi viene pizzicato a truffare.
Di certo, di fronte alla prospettiva di un procedimento penale e di una condanna per truffa (che non è esattamente una fattispecie “leggera”…), certa gente ci penserà mille volte prima di fare furbate”, dice Kaliaus.

Per altri, come Yomik, il problema sarebbe molto più diffuso e non c’è nessun inizio se non si iniziano a colpire anche i tornei più piccoli e non solo il Million che “è nulla rispetto ad un danno che va avanti da mesi”.  

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.