Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

PokerStars mira a comprare un casinò ad Atlantic City

PokerStars, che va a gonfie vele dopo la riapertura di Full Tilt Poker lo scorso mese, sta ora cercando di acquistare un casinò terrestre in Atlantic City. Da quel che si dice la mossa è in previsione della legalizzare del gioco online in New Jersey, che lo stato potrebbe ancora fare prima della fine dell’anno, come riportato questa settimana su iGaming Post.

Si crede che PokerStars potrebbe acquistare il casinò Atlantic Club dal gruppo di investimento Colony Capital. Secondo un rapporto sulle entrate dello stato, a partire da ottobre la proprietà aveva ricavato 109.682.021 di dollari per l’anno, un calo di circa il 12% sui risultati degli ultimi anni. PokerStars è stato escluso dal mercato americano dopo il venerdì nero del poker online nell’aprile 2011. La causa contro la società si è risolta a luglio, ma al suo ex proprietario, Isai Scheinberg, rimangono da sistemare gli ostacoli giuridici con il Dipartimento di Giustizia.

Con il massiccio insediamento di 731.000.000 di dollari, PokerStars ha poi preso il controllo della defunta Full Tilt Poker. La mossa del New Jersey è unica, ma PokerStars ha una storia come partecipante attivo nei piani di gioco online in uno stato degli Stati Uniti. Prima del venerdì nero, l’azienda stava facendo pressione per ottenere dal Nevada la legalizzazione del poker online. Il Nevada alla fine ha continuato a legalizzare senza PokerStars come suo gregario.

PokerStars ha avuto un accordo con il Wynn Resorts, ma l’ha sciolto dopo il rinvio a giudizio.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.