Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

PokerStars smentisce l’ingresso nei casinò online e nelle scommesse sportive

PokerStars ha smentito categoricamente di avere un piano aziendale nel breve periodo, per entrare nei mercati di casinò online e delle scommesse sportive. A smentire alcune news uscite su portali esteri che prevedevano lo sbarco della room dalla picca rossa in questi settori del gambling online, è stato Eric Hollreiser, responsabile della Comunicazione aziendale di PokerStars. All’origine di queste notizie c’era un sondaggio effettuato sui clienti di Stars.Tuttavia Hollreiser ha precisato che il sondaggio era della fine del 2011 e che, in generale, non si effettuano mai inchieste specifiche ma di carattere generale e con tanti argomenti per capire alla perfezione gli atteggiamenti e le preferenze degli utenti.

Ovviamente Hollreiser non ha respintio la possibilità, aggiungendo che “siamo sempre aperti a nuove opportunità di business in grado di rafforzare la nostra offerta per i giocatori”, ma ha spiegato che al momento la loro attenzione si è concentrata sul rilancio di Full Tilt e “sull’espansione del poker online a livello globale” con i due marchi.

PokerStars è una delle poche sale da poker ad offrire solo ed esclusivamente questo gioco. Meno introiti ma una professionalizzazione estrema e una cura approfondita dell’unico prodotto offerto ne fanno di sicuro un punto di forza.

Tuttavia, con la monopolizzazione del poker online grazie anche all’acquisto di Ftp, l’apertura di un casinò e di un bookmaker online permetterebbe ai proprietari di Stars di triplicare i propri guadagni.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.