Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Polemica al Rio casinò: lascia le chips sul tavolo e un ladro gliele ruba

Lasciare le proprie chips al tavolo durante una partita di cash game è usuale per un giocatore di poker. Nessuno forse, ci pensa mai, eppure, il rischio che alcune pile scompaiano al proprio ritorno è reale.

Lo dimostra una disavventura capitata al Rio pochi giorni fa e avvenuta al pro Ray Henson vittima di un fatto del genere comunque raro.

“Ebbene stavo giocando. Un ragazzo è venuto a un tavolo dove un posto a sedere era vuoto e ha detto: ‘Devo incassare queste chips per il mio amico’ e ha preso ben 50,000 gettoni da cambiare alla prima cassa disponibile”, raccontano alcuni presenti. Naturalmente il colpevole era già scomparso quando il player era tornato al tavolo.Sono state raccolte le testimonianze di tutti, ma alcuni responsabili del Rio hanno ritenuto che il player depredato era responsabile per il suo denaro.

Il ladro non è stato ancora arrestato anche se i giocatori coinvolti e testimoni sono convinti che il ladro verrà preso. Soprattutto con tutte le telecamere che sono attive in qualsiasi sala da gioco del Nevada e del mondo, in ogni caso.  I giocatori coinvolti sono sicuri che lo staff delle WSOP sarà in grado di trovare il ladro e di prenderlo.

Il Rio ha attaccato il player derubato ma la security del casinò non doveva permettere di lasciare che tutto ciò accadesse con tale facilità perché, da che mondo è mondo, tutti i giocatori lasciano tranquillamente le proprie chips sul tavolo che sono controllate anche dai dealer.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.