Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
Nuovo-poker

Recensione – “Il Nuovo Poker” di Flavio Ferrari Zumbini

 

"Il Nuovo Poker" è l'attesissima prima opera pokeristica di Flavio Ferrari Zumbini.

Potremmo definirla un'opera (quasi) omnia in senso assoluto: il "quasi" è dovuto a due fattori. Primo: il libro è un vero trattato di cash game 6max e qualche torneista potrebbe commettere l'errore di rimanere un po' deluso. Secondo: è lo stesso "Confiteor" (nickname che usa Flavio anche sul nostro Forum) a scrivere "Questo libro non è, non vuole, nè può essere esaustivo".

Leggendolo attentamente però si capisce bene che la filosofia e la moltitudine di concetti spiegati non deluderanno nessuno. Ma c'è di più: dopo aver finito di leggere l'ultima pagina "poco esaustivo" sarà l'ultima cosa a cui penserete.

Il "Nuovo Poker" perchè l'autore spiega in maniera innovativa il Texas Hold'em di oggi e lo fa non solo dal punto di vista tecnico, ma anche d'impostazione "lessicale". Basta con i mattoni da 500 pagine con paragrafi lunghi, dispersivi e quasi interminabili. Flavio adotta uno stile anglosassone: i concetti, le mani e i commenti vengono proposti al lettore in pochissime righe. Ne beneficia la fludità e NON ne perde la chiarezza espositiva visto che tutti i passaggi logici sono sempre ben sviluppati e argomentati.

Il libro si basa su alcuni capisaldi che sono le fondamenta del poker 2.0: aggressività, range e bilanciamento. "Lo scopo del gioco è quello di prendere le decisioni corrette nel lungo periodo" scrive Flavio ed è per questo motivo che (udite udite) ogni mano riportata NON vi dirà MAI le carte dell'avversario. Che ci scoppino o no non è importante se abbiamo preso la decisione giusta. Inoltre il concetto di range è preponderante e quindi sapere che uno ha KK o AA non è importante nè utile, perchè si gioca contro un range, non contro una singola mano!

E' un'opera che non lascerà delusa alcuna categoria di giocatore: è una Bibbia per chi si cimenta nel giochino senza conoscere al meglio le tecniche di gioco ed è un ottimo spunto di discussione (o di confronto a distanza con l'autore) per i professionisti. Sul nostro sito più volte abbiamo operato un "downgrade" di aspettativa su giocatori e libri. Difficilmente ci sarà da "lamentarsi" per questo testo.

In molti libri le prime pagine sono dedicate alle regole, alla modalità di svolgimento di una mano e a tutte quelle nozioni di base che il 90% del lettori salta a piè pari. Flavio parte dal (giusto) presupposto che se si deve scrivere un libro sul calcio non va spiegato il fuorigioco. E anche per il suo "Nuovo Poker" è così: gli elementi base riguardano nozioni matematiche che sono utilissime (per scoprirle o per ripassarle).

Molti concetti hanno anche come corollari aneddoti, indovinelli e storie curiose: una su tutte è quella della "morra cinese" applicata al poker, con tanto di racconto di quella volta in cui Phil Hellmuth partecipò ai mondiali di specialità…

Flavio è stato coadiuvato da giornalisti e da giocatori professionisti del settore che non hanno trascurato nulla. Forse l'unico appunto è nella parte dedicata ai software: ben spiegata ma un po' scarna. La scelta è però giustificabile: spiegare in modo scritto il funzionamento dei vari strumenti di supporto rischia di rendere il capitolo lungo e pedante e ciò non sarebbe in linea con la scorrevolezza delle altre parti.

Nel libro viene analizzato il gioco preflop e quello postflop senza però adottare la vecchia divisione tra flop, turn e river. La novità sta nella "Linea di gioco ottimale"… ma arrivati a questo punto lasciamo il gusto della scoperta al lettore.

Da sottolineare anche l'ultima parte del libro che riguarda "L'approccio Mentale" al poker: si parla di motivazioni, obiettivi, gioco (non) d'azzardo, sponsorizzazioni e gioco patologico. Per ogni argomento non si guardano e non si "pompano" solo i lati positivi del poker ma, in maniera lucida e coscienziosa, l'attenzione e l'analisi vengono incentrate anche su tutto ciò che potrebbe rappresentare un rischio per i giocatori.

Ultima raccomandazione: i libri sul poker NON vanno letti, vanno STUDIATI. Non sono libri gialli, non c'è quell'assissino che, una volta scoperto, rende inutile una rilettura. La cosa migliore da fare dopo aver finito "Il Nuovo Poker" è…rileggerlo, perchè quando eravamo a scuola non ci bastava una sola lettura attenta per sapere tutto sulla Seconda Guerra Mondiale!

Studiate, studiate e studiate….il poker come la storia!


Titolo: Il Nuovo Poker                                           Qui sotto la classifica dei Bestseller di Amazon.com

Autore: Flavio Ferrari Zumbini

Illustratore: Daniele Zizzi

Editore: Mondadori

Collana: Comefare

Data di Pubblicazione: Aprile 2013

ISBN: 8804626674

ISBN-13: 9788804626671

Pagine: 357

Formato: illustrato, brossura

Prezzo: 16,90€                                              

     

 

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.