Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Riccardo Lacchinelli e il main event Wsop: ‘Il torneo più bello della mia vita’

“E’ stato il torneo più magico e bello che io abbia mai giocato, si percepisce un’atmosfera pazzesca, senti che stai giocando il campionato del mondo di poker, l’evento più importante per un player. Ma che stress, che tensione e che emozioni, dalla bolla all’itm agli amici che tifavano da casa, a voi giornalisti che eravate lì, una scarica d’adrenalina incredibile”.

Emozioni a raffica per Riccardo Lacchinelli, il ‘funambolo’ del team pro Snai che si è piazzato 258esimo per circa 40.000 dollari insieme agli altri 11 italiani che hanno compiuto uno dei migliori risultati di sempre al main Wsop di Las Vegas.

Ricky Lacchinelli è probabilmente l’esempio più lampante delle grandi possibilità che offre il main Wsop. Rimasto corto ha condotto poi un torneo in grande crescita: merito della struttura unita ad un’ottima preparazione del mindset e della strategia necessaria per affrontare una vera e propria maratona al tavolo !

“Io mi reputo un maratoneta, ho giocato tantissimi tornei, raggiunto tanti piazzamenti all’Ept, ho giocato la Grand Final di Montecarlo. Ma questo è stato un grande risultato, non per i soldi ho vinto molto di più con altre partite, ma per come è arrivato ed è stato costruito, oltre che per le emozioni che mi ha saputo trasmettere. Ho capito che ha senso essere un professional poker player proprio per provare queste emozioni”.

Come si prepara quindi il main? “Avevo deciso di arrivare molto carico così sono andato a Las Vegas molto tardi, il 27 giugno sono atterrato e ho giocato alcuni eventi. Mentre ci avviciniamo allo start del main cerco di evitare torneini e deepstack giornalieri proprio perché voglio arrivare freschissimo e con una grande voglia di giocarlo questo torneo. Imponendomi questa linea riesco ad arrivare come voglio al main event”.

Scelte ragionatissime anche nella selezione del day da giocare: “Ho giocato il day1 A proprio per avere poi due giorni di pausa e quindi avrei giocato il day2 A con un’altra pausa prima del day3”.

Tutto giusto anche se la partenza non è stata delle migliori: “Arrivo al day1 e al tavolo trovo subito Vicky Coren e David Singer più due giocatori scomodi, ragazzi americani bravissimi che però non conoscevo. Arrivo a pausa cena e forse c’è lì il vero errore del mio main event – se la ride Lacchi – alla steak house del Rio non scambio il 5% con Sergio Castelluccio che era già deep dopo pochi livelli. In ogni caso gioco il mio quarto livello che più disastroso non si poteva. Scendo a 7.600 poi AK contro QQ vinco un coinflip e volo a 26.100. Chips che mi tengo strette e capisco che questo torneo è lunghissimo. Conta essere passati al day2. Certo sarebbe stato meglio essere deep ma non ci abbattiamo!”.

Al day2 incontriamo in sala stampa il Funambolo e capiamo subito che qualcosa stava cambiando nel suo torneo: “Ero bello carico vero? In ogni caso inizio con le mie chips. Al tavolo c’è un cinese che sembra voler bullare il tavolo. Mi prendo un rischio grossissimo proprio con lui perché lo chiamo al river con QJ su board Q-J-6-6-10. Capirete da soli che il 10 al river era bruttissimo perché perdevo con tantissime mani. Ma dopo aver tankato per 6 minuti e mezzo ho callato e lui ha girato J8. Stava puntando con gutshot su tutte le strade e avevo letto bene. Poi con altri due colpi risalgo a 145k quando la media è intorno ai 92k. E’ anche il livello dello ‘scalpo’ a Mike Matusow e chiudo il day2 bello comodo e vado a riposare in attesa del day3”.

 

Arriviamo al day3 e Lacchinelli cresce ancora anche se a fine giornata arriva un colpaccio: “Mi siedo pensando di voler chiudere la giornata umilmente sotto le 200.000 chips, invece, udite udite, mi piazzo addirittura sopra le 350.000 chips. Altro tavolo tostissimo con Antony Wigg, Philippe Gruissem, la morosa di Ivan Demidov. Vinco un cooler a favore con seti di 2 e all’ultimo livello ho 400.000. Arriva purtroppo il cooler a sfavore (al day2 era stato proprio uno scontro simile a farlo volare, ndr) KK contro AA. Stavo per fare il fold del secolo. Ho pensato, ora ci teniamo queste 400.000 e aspettiamo il day4. Ma ero certo di essere avanti e potevo volare ancora più in alto. Perdo e scendo a 157.000 chips”.

Il day4 è il giorno più duro, quello della bolla e la carica del Funambolo è esplosiva. Lo abbiamo immortalato con le ragazze del sito Wsop.com, lo abbiamo visto simulare una corsa di cavalli al tavolo e siamo stati con i colleghi della stampa ad incoraggiarlo in zona bolla come se stesse giocando una partita di calcio. Alla fine ce l’ha fatta, ce l’abbiamo fatta: “Ovviamente il primo obiettivo era andare a premio. Siamo a 18 dalla bolla e dopo una serie di scene e scenette stempero la tensione e si arriva itm! Inizio a mandare i resti per ben 10 volte e non ci chiamano mai. Un caso abbastanza incredibile visto che la mano migliore che ho quando shovo è AQ. E’ una giornata bruttissima per le mie carte, non floppo neanche dovessi decidere io il board. Poi l’ultimo colpo mando con KQ ofsuited su un’apertura e l’oppo ha coppia di 7. Board stavolta apertissimo con 10-8-3-J con tre picche io ho il K di picche e bilaterale con tantissime outs. Il 4 al river decreta la mia uscita e siamo a casa”.

Finisce la ‘maratona’, un torneo che toglie tutte le energie vero? “Arrivi a fine giornata stanchissimo. Oltre al fatto di giocare 5 livelli da 2 ore, la tensione che hai in quei momenti è enorme. Se sbagli sei fuori ed è pesantissimo da digerire. E’ impegnativo e faticoso. Però finita la giornata sentivi che avevi fatto il tuo dovere ed eri soddisfattissimo. Poi la spinta della gente, il tifo da casa, su Facebook. Siete stati tutti magnifici, grazie”.

Dopo questa sbornia emozionale come la mettiamo col ‘poker di tutti i giorni’: “Torno a giocare con umiltà, come sempre. Piedi per terra ma con la consapevolezza di aver vissuto momenti bellissimi!”.

Ovviamente: vamos!!

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.