Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Serravezza (Bizup): “Poker, tanti ‘mi piace’ su Facebook”

Roma – “Il potenziale dei Social Media è incredibile. Innanzitutto ha una comunicazione bidirezionale, un’audience altamente profilata, budget d’ingresso sostenibili, utenti già connessi e misurabilità precisa dell’investimento. Mentre la tv rimane indietro perché l’audience è meno profilata, ha una comunicazione unidirezionale e investimenti molto più alti”.

Castaldo (Microgame): “Il mercato italiano del gioco online può crescere ancora”

È quanto afferma nel suo intervento al convegno di Business International di oggi Andrea Serravezza, managing partner & head of social media operations di Bizup, secondo il quale “Facebook è utilissimo perché l’utenza è profilata altamente nel rapporto demografia/interessi. L’attenzione va stimolata ma poi si può fare engagement e fidelizzare l’utente”.

Quanto all’Italia, “In un’indagine dei ‘Mi piace’ Poker Club For Fans è altissima poi c’è Iziplay che però è seconda nell’engagement post e quindi significa che fa un lavoro. Ancora però non si fanno investimenti importanti in questo settore social da parte degli operatori. Picchi clamorosi li evidenziano Poker Club For Fans e Iziplay. Cosa pubblicano gli operatori? Ci sono mix tra status, link o foto. Bisogna però creare valore allestendo un ecosistema che includa utenti clienti, dipendenti, processi di business e prodotti”.

Secondo Carlo Maffé ormai Facebook è un protocollo che mette insieme tantissimi valori. Nel gioco si può riuscire ad ottenere grandi liquidità. È un insieme di nuove regole di cui vanno capite le dinamiche per estrarre il massimo valore.

“Se prima si sparava sulla massa – continua Serravezza – ora si fa engagement generando influenza su gruppi di interesse. Ormai è fondamentale inserirsi stabilmente nei canali digitali avviando una strategia di relazione e conversazione.

Gli obiettivi sono il branding per la vincibilità, Interest per nuove visite e visitatori di ritorno, Leads (contatti) per registrazioni, online to offline, email profilate, fan e Loyalty (fidelizzazione) con offerte dedicate, caring, advocacy. Attenzione però ai giudizi negativi che emergono nei risultati dei motori di ricerca, nelle community e nei social network impattando negativamente su business e vendite. Bene anche coltivare la brand community ossia costruire un luogo ‘fisico’ incentrato su una passione di cui farsi sponsor o su una tematica di valore”.

Ma quali sono le attività pratiche? “Ingaggiare, fidelizzare, aumentare la visibilità e promuovere il prodotto/brand. Bisogna creare contenuti di qualità originali e diversificati, pubblicare news relative a tendenze nella community. Condividere video e tutorial in target, coinvolgere i fan tramite domande o questionare e ridurre i messaggi promozionali. Creare promozioni sulle novità dell’azienda anche tramite Facebook Ads”.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.