Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Truffa al poker cash di Sanremo, ecco il racconto del player che ha sgominato il baro

“Con prontezza di riflessi ho alzato le mani di un player cecoslovacco e sotto nascondeva un Kappa. Ha cercato di accartocciare la carta da gioco per nasconderla ma tutti, dealer compreso, hanno visto che questo signore giocava ogni mano con tre carte e nel giro di pochi giorni con i suoi due complici che erano al mio tavolo, avranno vinto, secondo nostre stime, circa 30,000 euro. Ora vogliamo essere rimborsati dal casinò di Sanremo che invece ha negato di avere responsabilità ai tavoli di cash game”. E’ il racconto animato dalla rabbia per la truffa subìta, da parte di Giuseppe Lucania, player locale che in questi giorni stava giocando anche al cash game poker, livelli 5/10 euro. In effetti erano un po’ di giorni che questi players cechi ‘grindavano’ pesantemente sui tavoli del cash game.

Insomma ripercorriamo gli attimi del fattaccio: “Ci sono 40 players ad aver assistito all’episodio. Qui vicino a me – comunica al telefono Lucania – c’è Marco Catalano che testimonierà anche lui insieme ad altri nelle rivendicazioni che faremo al casinò (un incontro è previsto già in serata, ndr). Tutti hanno visto che questo giocatore tratteneva a giro una over card. Potrebbe aver trattenuto un Asso o un Kappa come quello che aveva sotto la mano quando gliel’ho alzata. Era un po’ che con alcuni giocatori stavamo osservando questi tre giocatori della Repubblica Ceca. Vincevano tanto e con continuità. Qualcosa insomma, non andava. Per cui al primo movimento sospetto ho avuto la prontezza di sgamare il trucco. Lui ha cercato di piegare la carta e mettersela sotto la sedia ma ormai tutti avevano visto. Il dealer ha testimoniato di aver visto la scena. Abbiamo quindi chiamato la Polizia che ha perquisito l’uomo trovandogli addosso circa 10,000 euro tra fiches e soldi contanti. Al tavolo erano in tre. Lui e due complici ma pensiamo che il trucco lo usassero tutti e tre. Così i poliziotti hanno redatto un verbale dal quale potrebbero uscire gravi conseguenze per tutti i soggetti coinvolti”.

Ma la rabbia di Lucania, Catalano e i tanti players è anche per un altro aspetto: “Ho girato il mondo e non ho mai visto una cosa del genere in vita mia – spiega anche Marco Catalano – parlo del comportamento del Casinò di Sanremo che si è tolto da ogni responsabilità per l’accaduto asserendo che loro non sono responsabili di quello che accade ai tavoli di cash game. Avrebbero dovuto ringraziare il signor Giuseppe per aver sgominato un truffatore e invece i giocatori non sono affatto garantiti dal personale di sala per quello che accade”.

“Allora che differenza c’è nel giocare qui o in una bisca?”, rincara Lucania.

Ora cosa succederà? “Io vado fino in fondo alla questione e i giocatori al tavolo hanno chiesto di essere rimborsati delle perdite dal casinò. Qualora non dovesse accadere andremo avanti con questa battaglia perché in questo modo i giocatori non sono tutelati e non si capisce chi li dovrebbe proteggere da queste truffe assurde”, spiega Lucania.

Un particolare curioso: pare che il player ceco più che preoccuparsi della sua situazione, dovrebbe essere presto inibito da tutti i casinò possibili e immaginabili, ha chiesto ai poliziotti e al casinò se avrebbe potuto giocare l’Ept di Sanremo.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.