Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Un 74enne irlandese truffa 135mila euro alla sua azienda per giocare a poker online

Un distinto signore irlandese di 74 anni, stimato ex insegnante e ragioniere part time in un’azienda, si è alla fine dichiarato colpevole davanti alla Dublin Circuit Criminal Court, per essersi intascato somme grazie alla sua posizione di contabile presso la Eddie Rockets ed essersele rigiocate prontamente a poker online

I fatti risalgono al triennio 2005-2008 quando John Carlos avrebbe alterato gli importi della catena di fast food dove lavorava riuscendo a distrarre la somma di 135.000 euro finiti dritti dritti nelle casse di Paddy Power Poker. La sua dipendenza dai tavoli online sarebbe scattata quando aveva compiuto 60 anni fino a degenerare in questa truffa e dopo una carriera scolastica discreta.

 

I dirigenti di Eddie Rockets hanno scoperto la truffa grazie ad una segnalazione del Governo che stava chiedendo una verifica fiscale alla società. I revisori contabili ingaggiati da Fortune sono riusciti a mettere in evidenza le anomalie contabili create ad arte da Carlos per piazzarsi comodamente ai tavoli di Paddy Power e giocarsi tutti i soldi dell’azienda. Tanto per completare l’opera avrebbe anche molti debiti per scommesse ippiche andate male negli anni passati. La condanna definitiva per Carlos è attesa il 5 giugno prossimo.

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.