Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Un altro ‘monster’ final table all’Ipt: Drammis, Costa, Lacchinelli in pole per la picca e i 130.000 euro

Dopo aver comandato per buona parte del day3 il final table dell’Italian Poker Tour Grand Final di Saint Vincent si conclude con l’eliminazione in decima posizione proprio di Antonio Bernaudo che lascia la volata finale per la leaderboard stagionale a Ivan Gabrieli, sesto in chips al tavolo decisivo che si gioca oggi con il solito field da spettacolo.

 

 

UN ALTRO MONSTER TABLE – Se il poker è abilità è giusto che una buona struttura premi un buon giocatore al di là delle valutazioni strampalate che si ascoltano nel settore. Altrimenti non avrebbe senso andare a parlare di poker come skill game.

 

SBOLLA BERNAUDOVIC – A ‘sbollare’ il final table è quindi Antonio Bernaudo che apre da cutoff a 120.000, Davide Costa 3betta da BTN a 240.000, la parola torna a Bernaudo che manda i resti per 1.350.000 con Kx Qx e Costa chiama agevolmente con Kx Kx. Board liscio è Bernaudo è out.

 

DRAMMIS COMANDA SULL’EQUILIBRIO – Ed ecco quindi in vetta Domenico ‘ddrammis’ Drammis, grinder online stimatissimo e finalmente in una posizione da cui può dire la sua. Ha già fatto molto bene in tanti tornei ma senza agguantare quelle posizioni che offrono premi da capogiro come la prima moneta da 130.000 euro in palio oggi.

Riecco poi quel Davide Costa che di qualità ne ha da vendere e in alcuni tornei ha già mostrato qualità da winner. Parte secondo dietro a Drammis con 3,1 milioni contro 5 milioni del grinder in vetta.

Equilibrio, dicevamo, e in terza piazza un altro nome hot come Riccardo Lacchinelli, pro di Snai che ha 2,8 milioni e abituato ormai a palcoscenici di livello mondiale dopo l’ottima prova al main Wsop 2013. Inutile dire che anche per Ricky si tratta di un’occasione importantissima a livello ‘sportivo’ che può consacrarlo definitivamente nel settore.

 

GLI ALTRI DEL TAVOLO FINALE – Tanta qualità quindi con Domenico Rao, uno straniero, il francese Sebastien Didelot e poi in sesta posizione quell’Ivan Gabrieli che è quinto nella leaderboard a 20 punti da Dario Sammartino. Per lui bisogna tirare fuori il pallottoliere e iniziare a contare se ce la farà ad essere il player della season Ipt.

 

 

NASTASI BACK TO BACK? – Settimo Gianpaolo Eramo, altra vecchia volpe del poker live e ottavo Eros Nastasi con 1,5 milioni di chips. Non è cortissimo e lui ha già vinto l’Ipt a gennaio 2011 a Campione d’Italia e ‘rischia’ il back to back. Questo è un altro grande tema di questo final table tutto da seguire.

Chiude a 1,3 milioni Antonino Leotta a 1,3 milioni di chips.

 

Questo il chipcount dei 9 giocatori rimasti:

1 DRAMMIS DOMENICO 5.045.000

2 COSTA DAVIDE 3.130.000

3 LACCHINELLI RICCARDO 2.825.000

4 RAO DOMENICO 2.390.000

5 DIDELOT SEBASTIEN CLAUDE 2.330.000

6 GABRIELI IVAN 2.270.000

7 ERAMO GIANPAOLO 1.795.000

8 NASTASI EROS 1.520.000

9 LEOTTA ANTONINO 1.335.000

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.