Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Una forza inarrestabile incontra un oggetto inamovibile – 3/6 – L’ascesa di Isildur

 

Dopo aver perso contro di lui mi sono preso una pausa dal gioco, ma si continuava a parlare molto di questo tizio “Isildur”. Siccome sono scarso, molti non vedevano niente di strano nel fatto che mi avesse battuto, e volevano provarci anche loro. Il successivo a sfidarlo è stato Ugotabanana, straordinario giocatore di PLO. È conosciuto per avere una fortuna sfacciata (ti voglio bene Harry), ma nemmeno lui è riuscito a contrastare l’incredibile good run “Prometeica” di Isildur.  Ha perso 250k in cinquemila mani. Ancora, non tanto per gli stake a cui hanno giocato e per la varianza del gioco, ma a quel punto i risultati di Isildur hanno cominciato a varcare l’orizzonte della rilevanza statistica.

Nei giorni seguenti non seguivo molto l’ambiente, ma pare che avesse giocato contro Cole South, Brian Hastings e Brian Townsend sia a PLO che a NLH. Le sessioni avevano risultati molto altalenanti e stavano attirando l’attenzione di parecchi osservatori e giocatori. Di solito quando i migliori giocatori high stakes di prima categoria come Cole o Townsend si scontrano su più tavoli con un nuovo arrivato, questo finisce al verde nel giro di poco, ma con Isildur, nonostante appunto le altalene di cui dicevo, non è andata così ed ha tenuto duro. Giocavano a 200/400 o addirittura 300/600; gli stack andavano e venivano, e qualche volta qualcuno andava sopra, ma non ci rimaneva mai. Nessuno dubitava che avrebbe perso, era solo una questione di tempo. Si ammetteva che fosse bravo e che sapesse il fatto suo, ma contro i titani del poker online nessuno gli dava una chance.

È stato dopo un paio di giorni di questi scontri, con Isildur sopra di un po’ ma non in modo drastico, che Durrrr è entrato nel quadro. Subito dal primo momento si sono messi d’accordo per giocare sei tavoli a heads up, No Limit da 300/600, ed a quel punto tutti si sono messi a seguire quello che inevitabilmente sarebbe diventato uno degli scontri più memorabili della storia del poker online. Nonostante la concomitanza del Main Event delle WSOP, in decine di migliaia si sono connessi a Full Tilt per osservare le partite. Il 300/600 non è durato a lungo, perché dopo aver perso un paio di buy in Durrrr ha chiesto di spostarsi sui 500/1000, e l’altro ha accettato con gioia. Ciò che ne è seguito è stato uno dei più aggressivi, volatili ed intensi scontri heads up mai giocati. Farò del mio meglio per evitare di caratterizzare le dinamiche di quello che è successo, ma credo che il miglior riassunto sia una frase che ho usato in quel momento: “Una forza inarrestabile incontra un oggetto inamovibile” [citazione, tra l’altro, di The Dark Knight, video, ndt]. La prima è Isildur e la seconda Durrrr. Era uno di quei rari scontri che esemplificano contemporaneamente arte e spettacolo. Gli osservatori non ne avevano mai abbastanza.

Dopo la prima giornata e con molte altalene e molta azione, Isildur era sopra di un milione e mezzo. Nonostante le cifre e la durata della sessione, pochi credevano che fosse la fine. I due si sono infatti messi d’accordo per ricominciare il giorno dopo.

Quella sessione è stata la più significativa. Nonostante alcune sciocchezze ed alcuni colpi di sfortuna, sembrava che Durrrr si stesse finalmente facendo valere. Il suo stile era cambiato, e le cose cominciavano a girare in suo favore. Ad un certo punto Durrrr era a 350k dall’andare in pari, ed in molti, me compreso, hanno tirato un sospiro di sollievo. Il momento in cui me ne sono andato a dormire, però, era ben lontano dall’essere la fine per Isildur.

Ciò che è successo poi non se lo aspettava nessuno, nemmeno quelli che tifavano per Isildur. Lentamente ma inesorabilmente, ha cominciato a vincere. All’inizio con un paio di grossi piatti, e poi senza smettere, di colpo non sembrava capace di perdere un all in. Gli dei del poker avevano parlato, e lui ha continuato ancora ed ancora, fino ad arrivare ad un profitto di due milioni. I due hanno poi giocato altre sessioni, ed al momento in cui sto scrivendo Durrrr è sotto, contro di lui, di più di tre milioni. Isildur ha giocato anche contro Antonius, Benyamine, Cole e Townsend, ed è ora sopra di cinque milioni su Full. Il suo nome è ormai negli annali del poker online.

Sono passa

te solo due settimane da quando Isildur ha cominciato a giocare agli high stakes su Full Tilt. Davvero abbiamo assistito a qualcosa di incredibile. Ma quello che noi – la comunità del poker online – non abbiamo fatto, è interpretare questo evento. Trarne un senso, decidere cosa significhi. Non posso parlare a nome degli altri, ma personalmente il successo di Isildur nel mondo del poker online mi ha fatto realizzare alcune cose e questionarne delle altre.

 

3/6, continua. Fonte: http://blogs.cardrunners.com/BLAG/an-unstoppable-force-meets-1258491260

 

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.