Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.

Vince le Wsop Circuit ma ruba una fiche e rischia di perdere premio e reputazione

Possibile che un poker player che ha vinto in carriera ben tre anelli del circuito Wsop rischi la carriera e la reputazione per rubare una chip dal tavolo? Evidentemente sì se il caso di Chan Pelton sarà definitivamnete confermato dagli organizzatori della tappa di West Palm Beach del torneo vinto proprio dal player che ha visto però congelarsi tra le sue mani la vincita di 47mila dollari.Aveva primeggiato su oltre 180 iscritti e non si sa cosa gli abbia detto il cervello quando ha rubato una chip del valore di 25.000 quando i livelli crescevano e i dealer e i floormen avevano ormai fatto il classico chip race. Scoperto dal personale Pelton ha assicurato che quella fiche rubata non l’avrebbe mai utilizzata in un altro torneo ma si trattava solo di un ricordo della terza vittoria che gli stava per valere quasi 50.000 dollari.

Ma il casinò e qualsiasi organizzazione di poker non possono tollerare questo tipo di comportamenti. Qualora l’evento o la casa da gioco non dovesse cambiare le chips in un evento successivo sarebbe troppo facile per i giocatori tirare fuori delle nuove risorse accumulate in altri eventi e incrementare il proprio stack. Questo accade specie quando si cambia di tavolo e i players in mala fede, approfittano magari della confusione o della ‘distruzione’ delle pile per gettare in mezzo forze nuove.

Ma, se si viene colti in flagranza di reato il rischio di perdere tutte le proprie vincite e di essere inibiti da un circuito live o da un casinò non è alto, è matematico.  

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.