Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
picca

MTT – Giocare lo Small Blind in un MTT – Parte 1

Tutti ci siamo trovati in questa sitazione : siamo in bolla, il nostro stack e’ inferiore ai 10bb, tutti foldano fino a noi, siamo sullo SB ed abbiamo J8o.
E’ abbastanza per pushare o dovremmo aspettare uno spot migliore?
In questa serie di articoli analizzeremo i fattori che determinano il come giocare spot come questo.

 

Sono diverse le cose a cui e’ necessario prestare attenzione prima di committare il nostro stack contro il BB.
Comprendere la matematica dietro il push è cruciale.
Molti giocatori sono semplicemente troppo tight dallo small blind e foldano in situazioni in cui il push ha valore atteso positivo (EV+).

Le dimensioni relative degli stack possono influenzare la nostra decisione.
Ad esempio, se il BB ha uno stack di poco superiore al nostro e chiamando comprometterebbe il suo stack, non gli sara’ molto semplice chiamare il nostro push con il suo K2s.
Un altro fattore determinante e’ la presenza o meno delle ante.
Quando presenti il pot sara’ significativamente maggiore e dovremo essere piu’ aggressivi nel cercare di vincerlo.
Altri fattori da considerare sono la nostra immagine, o come il tavolo ha percepito le nostre ultime giocate, e la nostra read sul BB.
Finiti i preamboli, iniziamo con la matematica.

 

Calcolare l’EV per un push SB vs BB

Questo esercizio andrebbe fatto durante la review della sessione di gioco.
La matematica necessaria è troppo complessa per essere applicata in tempo reale.
Tuttavia, una volta analizzati diversi scenari, sarete in grado di avere un buon “feeling” su quali situazioni possono essere +EV e potrete iniziare ad applicare quanto appreso durante le sessioni di gioco.

Come determinare se un push SB vs BB ha expected value positivo?

La prima cosa che dobbiamo conoscere e’ quanto spesso il BB chiamera’ il nostro push.
Sfortunatamente, non potremo mai sapere con assoluta certezza questo dato, e, di conseguenza, i nostri calcoli saranno soggetti ad errori.
Tuttavia, e’ possibile fare stime ragionevoli e calcolare diversi scenari per ricavare la giocata migliore da fare in ogni situazione.

Assumiamo che il BB chiami soltanto con il top 10% delle mani.
Questo significa che quando pusheremo foldera’ il 90% delle volte e noi vinceremo i blinds (e se presenti gli ante).
Il restante 10% delle volte il BB chiamerà ed andremo allo showdown.

Assumendo che il BB ci copra, quando verremo chiamati faremo double up quando vinceremo e perderemo tutto il nostro stack quando perderemo il colpo.

Dobbiamo quindi sapere le nostre chanches di vittoria (la nostra equity) contro il range di mani che abbiamo assegnato al BB.

Assumiamo che quel 10% di volte in cui verremo chiamati vinceremo il 50% delle volte.
Questo significa che, ogni volta che pusheremo, vinceremo blinds ed ante il 90% delle volte, verremo chiamati e vinceremo il 5% delle volte e verremo chiamati e perderemo il restante 5%.

Prendiamo un esempio :

Blind 200/400 Ante 50 – Full table.
Dopo aver postato blind ed ante ci restano 4000 chips ed il BB ci copre.
Tutti foldano fino a noi ed abbiamo 44.
Sappiamo che il BB sta’ giocando tight e gli assegnamo il seguente calling range: ATo+, A8s+, KJs+, 66+ (top 10%).
Attualmente il piatto è di 1050T$ di blinds ed ante.
Se pushamo, il 90% delle volte porteremo a casa il piatto, quindi :

EV(1) = 0,90 * 1050 = 945

Per il restante 10% di volte dobbiamo calcolare l’equity della nostra coppia di 4 contro il range del BB.
Pokerstove ci dice che la nostra equity è 38,9%.
Quando pushamo e veniamo chiamati mettiamo i nostri 4000T$ ed il BB mette i suoi 3800T$.
Questo significa che se verremo chiamati e vinceremo, vinceremo 4850T$ (1050T$+3800T$).
Quindi, considerando che verremo chiamati il 10% delle volte e, di quelle volte, vinceremo il 38,9%, otteniamo :

EV(2) = 0,10 * 0,389 * 4850 = 188,67

Sempre nel 10% delle volte in cui verremo chiamati, perderemo tutto il nostro stack il 61.1% delle volte, quindi :

EV(3) = 0,10 * 0,611 * -4000 = -244,40

L’ EV totale risultera’ quindi :

EV = 945 + 188,67 – 244,4 = 899,27

Il risultato è positivo.
Di conseguenza, se faremo questa giocata ogni volta, avremo un’ aspettativa media di guadagno, nel lungo periodo, di 900T$.
Questo push è +EV.

Notate come in questo esempio il valore maggiore deriva dalle volte in cui il BB folda al nostro push, questo perche’ abbiamo assegnato al BB un range molto tight.
Ampliando il calling range del BB questo valore diminuira’.
Tuttavia, cosi’ facendo, l’equity della nostra mano aumentera’ ed aumenterà quindi l’ EV delle volte in cui chiamera’ e vinceremo e diminuira’ quello delle volte in cui chiamera’ e perderemo.
Quindi, allargando il range di mani con le quali il BB chiamera’, l’ EV del push sara’ maggiormente influenzato dall’ equity della nostra mano contro il calling range del BB.

 

Un ulteriore informazione che e’ possibile ricavare da questi calcoli è il rischio di uscire dal torneo.
La formula per il rischio di “bust-out” è semplice, basta considerare la percentuale di volte in cui verremo chiamati e moltiplicarla per il negativo dell’ equity della nostra mano contro il range dell’ avversario.

Nell’ esempio sopra : 0,10 * 0,611 = 0,0611.

Questo significa che quando pusheremo in questa situazione usciremo dal torneo il 6,11% delle volte.

In conclusione, nello spot preso in esempio, considerato l’ EV positivo del push ed il rischio relativamente basso di uscire dal torneo, potremo pushare tranquillamente ogni volta.
(Revisione della traduzione originale dell’ utente ZiK)

Fonte : http://poker-strategy.flopturnriver.com/Playing-Small-Blind-In-MTT-1.php

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.