Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
Pocket Aces

PLO Microlimiti – I Problemi di un Mindset da Hold’em nell’ Omaha

Nonostante si tratti di due forme di Poker simili sia nella struttura che nel gioco, giocare ad Omaha come giochereste ad Hold’em finira’ con il costarvi una buona parte del vostro bankroll.
Per darvi un’ idea della differenza tra i valori delle mani, confrontiamo ad esempio la distribuzione dell’ equity in una situazione di Omaha con una situazione analoga dell’ Hold’em.
Non si tratta ovviamente di un confronto estremamente accurato, ma credo sia sufficiente per darvi una buona idea di quello che intendo :

Hold’em : As-Ad vs. 7c-8c = 77% vs. 23%

PLO : As-Ad-Kh-Kc vs. 7c-8c-9c-Tc = 59% vs. 41%

Ho scelto queste mani per confrontare coppie alte con drawing hands molto forti. Per non dare un vantaggio alla mano di Omaha, l’ ho deliberatamente scelta unsuited.

Se vi interessa confrontare le equity di ogni altra situazione, incluse quelle multiway (nelle quali le coppie alte perdono ancora piu’ equity nell’ Omaha rispetto all’ Hold’em), potete utilizzare il calcolatore a questo link)

 

Evitare di finire “quartered”

Prima di tutto, e’ possibile finire quartered soltanto ad un gioco hi/lo split.
Nell’ O8 (Omaha Eight-or-Better / Omaha Hi-Lo), meta’ piatto e’ vinto dalla mano peggiore. Se vincete soltanto meta’ della meta’ del piatto, perche’ avete lo stesso low di un altro giocatore, siete quartered.

I giocatori di Hold’em senza alcuna esperienza nell’ Omaha, non pensano nemmeno a questa eventualita’. Non appena gli entra nella testa l’ idea di “avere il nuts”, smettono di pensare a tutto il resto.

Nel caso non lo sapeste, in un gioco hi/lo split, meta’ del piatto e’ vinto dalla mano high piu’ forte (la mano migliore), e l’ altra meta’ e’ vinto dalla mano low migliore (la mano peggiore). Per maggiori dettagli vi rimando ad un articolo sulle regole dell’ Omaha hi-lo che potete trovare sul sito.

Quando un giocatore di Hold’em si avvicina per la prima volta all’ O8, si trovera’ spesso con un A-2 nella propria mano per il nut low. Quello che questi giocatori non sembrano capire e’ che, dato il fatto che A-2 chiude la mano low nut piu’ comunemente nell’ O8, la maggior parte dei giocatori giocano sempre le mani che includono queste due carte.

Avere in mano il nut low con A-2, senza alcuna possibilita’ di avere un high vincente, vi portera’ frequentemente a dividere la vostra parte di pot con uno o piu’ giocatori con la stessa mano.
Per semplificare, se siete heads-up con il vostro low nut contro un giocatore con un high vincente ed a sua volta A-2 per un low equivalente al vostro, finirete con l’ ottenere soltanto il 25% del pot finale (il primo 50% e’ vinto dall’ high, ed il restante 50% e’ suddiviso a meta’ tra i due low equivalenti).

I giocatori di Hold’em devono imparare che lo scopo del gioco nell’ O8 e’ quello di vincere l’ high, mantenendo una buona possibilita’ di vincere il low.
Se avete il nut high, siete certi di vincere almeno meta’ del pot, state quindi freerollando nel tentativo di chiudere anche il low migliore. Questo e’ l’ unico modo di ottenere un profitto nel lungo periodo ad O8.

E’ tuttavia possibile perdere molti soldi anche quando si finisce quartered sull’ high. Anche i giocatori che hanno capito quanto sia negativo puntare su una mano con potenziale per il solo low, si dimenticano spesso della possibilita’ di finire quartered sull’ high.

Avere in mano J-T su board 7-8-9 vi consente di avere la nut straight. Se un altro giocatore ha a sua volta J-T, correte il rischio di finire quartered se non avere un draw per il low.
Il caso peggiore e’ avere in mano questo high, nessun draw per il low, contro un secondo giocatore con lo stesso vostro high, ed un terzo con un set. Questo genere di situazione e’ molto piu’ comune nell’ Omaha rispetto all’ Hold’em.
In questo caso finite quartered, con un altro giocatore che ha la possibilita’ di vincere l’ intero pot.

Non mi stanchero’ mai di ripeterlo : Nell’ O8 dovete giocare per entrambi i lati del pot, con maggiore enfasi sull’ high.

 

Inseguire draws non al nut

A meno di una read molto solida o stacks molto deep, e’ estremamente raro per un giocatore riuscire a salvarsi in situazioni flush-over-flush nell’ Hold’em. Le odds sul chiudere un flush ad Hold’em sono basse; Trovare un giocatore con un flush superiore e’ abbastanza raro dal poter evitare di preoccuparsene. La maggior parte dei giocatori di Hold’em trattano queste situazioni quasi come un set-over-set, dei cooler.

Sfortunatamente, nell’ Omaha le cose sono diverse. Con ogni giocatore che ha in mano quattro carte, la probabilita’ che un altro giocatore abbia il vostro stesso draw e’ piu’ che doppia rispetto all’ Hold’em.

Per essere piu’ precisi : Non sto parlando delle odds che un altro giocatore abbia in mano lo stesso draw; Sto parlando delle odds che un altro giocatore stia giocando lo stesso vostro draw al flop.

Nell’ Hold’em, molte mani suited vengono foldate pre-flop se la carta alta e’ accompagnata da una bassa. Ad esempio, pochi giocatori giocheranno K-2, particolarmente contro un raise. Molti giocatori folderanno anche A-2 nelle stesse circostanze.

Nell’ Omaha, avere A-2 suited e’ l’ ideale per l’ O8. Nell’ Omaha normale, gli assi suited con una carta bassa diventano spesso giocabili grazie alle restanti due carte. Ad esempio, As-2s-Ah-Kd verra’ giocata da quasi ogni giocatore in quasi ogni situazione.

Per motivi come questo, non dovreste quasi mai inseguire un draw che non porta al nut, particolarmente in situazioni multiway.
Se state giocando ad O8 e vi siete assicurati almeno meta’ del pot, un qualsiasi draw, anche non nut, per lo scoop sara’ ovviamente meglio di niente.

Questi sono i leaks principali dei giocatori di Hold’em che si avvicinano all’ Omaha.
Il miglior modo per evitarli e’ quello di avvicinarsi al gioco con la mentalita’ di un principiante.
Imparare il gioco dalle basi, cosi’ da non cadere nella trappola dell’ affidarsi a strategie proprie dell’ Hold’em.

Le vostre skill generali e la vostra esperienza nell’ Hold’em vi saranno tuttavia di aiuto nel velocizzare enormemente il vostro percorso di apprendimento, consentendovi di diventare giocatori competitivi di Omaha in breve tempo.

 

Fonte : http://www.pokerlistings.com/strategy/omaha/holdem-mindset-hurts-omaha-profit

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.