Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
Professional poker player

Psicologia del Tilt

Ultimamente ho riflettuto a lungo sui fattori che separano i giocatori con maggior propensione al tilt da quelli che invece si trovano ad affrontare il tilt piu’ raramente. Molti dei miei amici sono severamente inibiti dal tilt e vorrei riuscire ad aiutarli a risolvere questo loro problema, o per lo meno ad indirizzarli sulla giusta strada per farlo. Questo articolo e’ il mio tentativo.

In primo luogo fatemi dire che esistono grandi differenze tra il riconoscere un problema, comprendere un problema, e risolvere un problema. Nonostante molti tentativi, sia da parte di amatori che di professionisti esperti, di aiutare i giocatori a risolvere il problema del tilt, ho notato come la maggior parte di questi tentativi siano in qualche modo sbagliati, per via della loro scarsa considerazione e comprensione del comportamento umano.

Se avete sbagliato un facile tiro da sotto il canestro sulla sirena della finale del campionato statale di basket, e vostra madre si avvicina a voi dicendo “e’ tutto ok, e’ solo un gioco”, vi sentireste subito meglio urlando “Tutto ok! Andiamo al McDonald !” ? Probabilmente no.

Se vostro padre vi dicesse che dovreste smettere di fumare perche’ vi fa male, rispondereste “Hai ragione papa’”, per poi non toccare piu’ alcuna sigaretta nella vostra vita ? Probabilmente no.

Semplicemente le cose non funzionano in questo modo. La logica non riesce a prevalere sulle reazioni istintive e sulle brame consolidate delle persone. La paura puo’ farlo.
Per poter utilizzare il ragionamento razionale come aiuto nel gestire i vostri problemi, dovete lavorare duramente per riuscire a modificare il vostro comportamento mentre state ragionando in modo razionale.

Avere un mantra, un cliche, o una fotografia a portata di mano per quando state ragionando in modo irrazionale, non sara’ sufficiente. Queste cose perderanno effetto nel tempo, come un buon proposito di inizio anno mal concepito.

Bene, quindi come possiamo gestire il problema del tilt ? In primo luogo dovremmo comprendere a fondo il problema, senza saltare direttamente all’ effetto finale. Nel contesto dei comportamenti legati al poker cio’ puo’ essere molto difficile da fare, per via della presenza di innumerevoli fattori in gioco.
Se una persona che ha un problema con il controllo del tilt andasse da uno psicologo, questi arriverebbe probabilmente alla conclusione che quel giocatore e’ compulsivo, portato alla dipendenza, egomaniacale, e con forti tendenze ad ogni combinazione di disturbi della personalita’ che potreste pensare.
Sapete una cosa ? Quello stesso psicologo arriverebbe alle medesime conclusioni anche su di un alta percentuale di giocatori di poker non portati al tilt quanto il giocatore precedente.
Il nocciolo della questione e’ che queste tendenze sono tutte molto comuni tra tutti i giocatori di poker, che siano giocatori che tiltano come scimmie o meno.

Quindi, che cosa separa i giocatori quando si tratta di tilt ? Bene, per la maggior parte e’ semplicemente una questione di livelli di rabbia e dell’ abilita’ dell’ individuo di controllare la sua rabbia.
Se siete molto portati al tilt, pensate a come reagireste nelle situazioni seguenti. Se non lo siete, pensate a come reagirebbe qualcuno che conoscete bene ed e’ molto portato al tilt.

La vostra squadra del cuore getta via la palla all’ ultimo minuto della partita e gli avversari segnano il goal decisivo nell’ azione seguente.

State guidando e qualcuno vi taglia la strada.

Siete in coda alla cassa del supermercato ed una signora anziana passa cinque minuti a cercare le monete nel suo portafoglio per poter pagare esattamente il conto.

Questi sono i momenti che portano alla luce i livelli di rabbia in una persona, e le persone che perdono il controllo in alcuna di queste situazioni, tendono a perderlo in tutte queste situazioni cosi’ come al tavolo da poker. Se siete il tipo di persona che urla davanti alla televisione quando la propria squadra sta perdendo, vi troverete in grosse difficolta’ con il poker.

Un’ altra cosa da aggiungere a tutto questo e’ che nonostante nelle situazioni descritte in predenza l’ avere un minimo di controllo di se stessi sara’ sufficiente, questo non sara’ altrettanto efficace quando vi troverete coinvolti in un gioco tanto intenso quanto il poker, rispetto al trovarsi seduti comodamente sul proprio divano mangiando patatine.
Anche se non siete il genere di persona che mostra all’ esterno la propria rabbia in queste situazioni, ma la tiene all’ interno, le cose non andranno in modo migliore. La rabbia sara’ ancora li. Questo secondo approccio potrebbe salvarvi dal prendere qualche cazzotto al supermercato, ma non vi aiutera’ molto nel poker.

Che cosa potete fare ? Potreste star leggendo questo articolo pensando “Oddio, sono esattamente così!”, e forse avete ragione, ma tutti lo siamo in un qualche modo. Non esiste una persona che non perde mai la calma nella vita, o nel poker.
Il modo piu’ semplice per stimare la gravita’ del vostro problema, cosi’ come con ogni altra cosa, e’ guardando alle conseguenze delle vostre azioni. Se la vostra rabbia e’ la causa di grossi problemi nella vostra vita, vi consiglierei allora di cercare l’ aiuto di un professionista, non solo per il bene della vostra carriera pokeristica. Se il vostro problema non e’ grave, ma e’ un qualcosa su cui vorreste lavorare, esistono moltissime risorse gratuite che possono fornirvi la base da cui partire.
Ricordate comunque che qualsiasi cosa farete non vi sara’ di aiuto se non avrete costanza, cosi’ come il sollevare dei pesi per un giorno non aumentera’ la vostra forza fisica.

Cercate di tenere a mente che anche se il vostro problema si manifesta ad un tavolo da poker immaginario, cio’ non significa che persone che passano molto tempo ad un tavolo immaginario di poker siano le piu’ qualificate per aiutarvi con esso. Sarebbe molto bello poter riuscire a modificare il proprio comportamento attaccando una fotografia o un bigliettino al proprio monitor, ma scoprirete come, nel lungo periodo, questo genere di soluzioni non abbiano alcuna efficacia.

Se siete seriamente intenzionati a cercare soluzioni efficaci per la gestione della rabbia, aprite google, iniziate a cercare, e piuttosto che cercare soluzioni veloci, spendete un po di tempo ed energie nella vostra ricerca. La maggior parte delle risorse online per questo genere di cose non sono pensate per i giovani, e quindi molte di queste potrebbero risultare abbastanza scadenti. Cercate di improvvisare ed inserite la vostra ricerca in un contesto che abbia senso nel vostro caso specifico.

 

Fonte : http://archives1.twoplustwo.com/showflat.php?Cat=0&Board=microplnl&Number=12990511

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.