Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
Poker Chips

Stud – Introduzione al Seven Card Stud

In questo articolo parleremo del Seven Card Stud, un gioco abitualmente presente nei casino e nelle poker rooms online a fianco dell’ Hold’em e dell’ Omaha.
Dopo un’ introduzione alle regole del gioco, cerchero’ di darvi qualche consiglio strategico per aiutarvi a vincere nel lungo periodo.

 

Come giocare a Seven Card Stud

Il Seven Card Stud e’ giocato abitualmente in modalita’ Limit, quindi tutti i giocatori con esperienza nel Limit Hold’em sono leggermente avvantaggiati nell’ apprenderlo.
Un tavolo di Seven Card Stud e’ in genere composto da non piu’ di 8 giocatori. L’ unica funzione del bottone e’ quella di determinare chi riceve la prima carta, per poi proseguire in senso orario con gli altri giocatori.
Non ci sono blinds, ma ogni giocatore e’ obbligato a postare un “ante” prima dell’ inizio di ogni mano. L’ ante e’ piu’ piccola della bet minima (in genere il 10-20% di essa). Tutte le ante vengono raccolte in un pot al centro del tavolo.

Prendiamo ad esempio un tavolo con limiti $1-$2. Ogni giocatore riceve due carte coperte ed una scoperta (conosciuta come “terza street”). E’ possibile ovviamente guardare le proprie carte coperte in qualsiasi momento, come nell’ Hold’em.
Il giocatore con la carta scoperta piu’ bassa deve postare il “bring-in”, una bet obbligatoria della dimensione del limite minimo del tavolo o della sua meta’, a scelta del giocatore.
Se due giocatori hanno la medesima carta piu’ bassa, si tiene conto dell’ ordine dei semi delle carte.
L’ ordine, dal piu’ alto al piu’ basso, e’ Spades-Hearts-Diamonds-Clubs.

Il giocatore alla sinistra di quello con la carta piu’ bassa e’ il prossimo a parlare. Si procede quindi in senso orario. Dato che si gioca in modalita’ Limit, e’ possibile raisare soltanto dell’ ammontare della bet precedente. Quindi, un raise sarebbe di $2 totali, il prossimo raise di $4, e cosi’ via. Non e’ possibile raisare dopo il terzo raise, e si e’ quindi costretti a callare o foldare.

Viene quindi distribuita un’ altra carta scoperta (conosciuta come “quarta street”) ad ogni giocatore ancora nella mano (ogni giocatore arriva quindi ad avere un totale di due carte coperte e due scoperte). Si procede quindi con un altro giro di puntate, iniziando dal giocatore con la mano piu’ alta composta dalle sue carte scoperte. Se due giocatori hanno la stessa mano scoperta, il giocatore piu’ vicino alla sinistra del dealer parla per primo.

Viene quindi distribuita un’ ulteriore carta scoperta a tutti giocatori ancora in gioco (“quinta street”) e si procede ad un altro giro di puntate, iniziando ancora dal giocatore con la mano piu’ alta composta dalle sue carte scoperte.

Un’ altra carta scoperta e’ distribuita (“sesta street”), e si ha un altro giro di puntate.

A questo punto, viene distribuita ad ogni giocatore la settima ed ultima carta, questa volta coperta (il river), ed avviene un ultimo giro di puntate.

Se piu’ di un giocatore e’ ancora in gioco si va quindi allo showdown ed il giocatore con la miglior mano di cinque carte vince il pot. Come nell’ Hold’em, due mani dello stesso valore splittano il pot.

 

Consigli di gioco

Terza Street

Una delle decisioni piu’ importanti da prendere avviene a questo punto della mano. Dovete aver ben chiaro quali mani dovreste giocare e quali dovreste foldare.

La miglior mano di partenza possibile e’ trips (“Rolled-Up Trips”), ovviamente da AAA fino a 222.
Dovreste sempre raisare e re-raisare con queste monsters perche’ siete largamenti favoriti alla vittoria della mano.

Dopo i trips, le migliori starting hands sono le premium pairs (AA-TT). Le pairs composte da entrambe le vostre carte coperte sono migliori di quelle dette “split”, ovvero composte dalla carta scoperta e da una coperta, perche’ piu’ nascoste. Raisate e re-raisate anche con queste mani.
Tenete d’ occhio i boards degli altri giocatori (le carte scoperte degli altri giocatori). Se avete ad esempio una pair di Queens ma un giocatore ha un Ace scoperto ed un altro un King scoperto, giocate con cautela. Ci sono situazioni in cui dovete imparare a foldare la vostra pair di Tens o Jacks se le bets sono raisate.

Il terzo miglior tipo di starting hands sono le drawing hands. Queste sono fondamentalmente tre carte a straight (J, Q, K o 5, 6, 7) o tre a flush (Jh, Ah, 4h). Piu’ alte sono meglio e’.
Con mani simili avete un’ ottima mano di partenza con la quale tentare di ottenere quante piu’ “free cards” o carte a basso prezzo possibili. Ovviamente, quando hittate il vostro draw, raisate e re-raisate.
Non mettetevi tuttavia ad inseguire draws avendo due carte a straight o a flush. Queste sono le situazioni nelle quali i principianti perdono piu’ soldi.

L’ ultima miglior mano di partenza che dovreste giocare sono le small e medium pairs (99-22). Se sono presenti over cards sui boards degli avversari, limitatevi al call. Altrimenti raisate.

Dato l’ alto numero di betting rounds in questo gioco, dovreste foldare molte mani nella terza street.
Come nell’ Hold’em, dovete essere pazienti. Molti principianti giocano OGNI mano sperando di migliorare il loro punto nella quarta e quinta street. Non fatelo. Attenetevi ai tipi di starting hands menzionati in precedenza ed otterrete buoni risultati.

 

Quarta e Quinta Street

A questo punto, se siete ancora nella mano, dovete decidere se continuare o meno.
Osservando i boards degli altri giocatori potete farvi un’ idea del tipo di mano che possono avere e fare qualche considerazione sui vostri outs.
Fate attenzione alle carte che gli altri giocatori foldano. E’ molto piu’ semplice contare i vostri outs ricordando le carte scoperte che sono state distribuite.
Se le carte di cui avete bisogno si trovano su piu’ di un board di altri giocatori, non e’ una buona idea continuare nella mano. Fate sempre attenzione alle carte degli avversari.
Una buona regola generale e’ che se la vostra mano non e’ migliorata per la quinta street, dovreste foldarla.
Se pensate di avere la mano migliore, raisate e re-raisate. Non date free cards agli avversari che potrebbero avere draws di straight o flush. Tentate di costruire il pot quando avete la mano migliore.

Se state inseguendo uno straight o flush draw, dovete essere certi di star inseguendo la mano migliore. Molti giocatori continuano ad inseguire draws anche quando le carte di cui hanno bisogno sono gia’ state foldate o compaiono sui boards degli avversari. Potete perdere MOLTE chips in questo modo.

 

Altri consigli per il Seven Card Stud

Come nell’ Hold’em, avere la posizione e’ un grande vantaggio in questo gioco. Utilizzatela al meglio, anche se pensate di non avere la mano migliore. Bluffare e’ difficile nei giochi Limit, ma nello Stud e’ possibile farlo.
Ad esempio, pensate di avere quattro carte di quadri scoperte. Potete raisare e re-raisare per rappresentare un flush.
Molti giocatori si spaventano in queste situazioni, specie se nei boards di altri giocatori non compaiono altre quadri.

Ci sono situazioni nelle quali dovreste slowplayare. Pensate ad esempio di avere un full-house ben nascosto come A#, A#, 2, 5, 9, 2, A# (# indica le carte coperte), l’ avversario non si aspettera’ mai una mano simile.

Nel Seven Card Stud la componente strategica e’ molto importante. Ci sono moltissime cose da prendere in considerazione, quindi giocate con cautela.

 

Conclusioni

Anche se le maggior parte dei tavoli di Seven Card Stud sono Limit, potete vincere o perdere moltissimi soldi in ogni singola mano che giocate. Giocate quindi in modo intelligente ed entro i limiti del vostro bankroll.
Non callate dei raise solo per vedere “ancora un’ altra carta”. Come tutte le altre forme di poker, dovete essere pazienti, aggressivi, ed utilizzare la posizione a vostro vantaggio.
– Timothy Riel
Fonte :
 http://www.cardschat.com/seven-card-stud.php

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.