Likes Likes:  106
Pagina 1 di 13 1234511 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 250

Discussione: Cronache di un Natural Born Fish

  1. #1
    Scandinavian LAG L'avatar di gudariak
    Registrato il
    Sep 2011
    Posts
    967
    Likes (Given)
    266
    Likes (Received)
    1965

    Predefinito Cronache di un Natural Born Fish

    Ciao a tutti:

    Voglio anch'io aprire il mio pseudo blog per raccontare i miei vani sforzi per imparare il giochino.
    So che non gliene frega niente a nessuno, ma non sarebbe male se qualcuno collaborasse con qualche commento, consiglio, presa per il cubo etc.

    non vorrei fare dei post troppo lunghi, ma per iniziare dovrei almeno orientarvi su chi sono, cosa ci faccio qui e cosa mi aspetto.

    Al suo tempo lo avevo scritto nella sezione delle presentazioni, ma non guasta ripeterlo.

    Sono un straniero comunitario, residente in Italia da 25 anni (quindi perdonatemi qualche svista linguistica) La mia età è tra AK vs 22 e A5 s vs KJ, ho un lavoro autonomo nella progettazione tecnologica.
    Il mio nik vuol dire 'Guerrieri' in euskara (la lingua dei Baschi)

    Gioco a Poker e a carte in generale (tolte le canaste di quando avevo 10,12 anni con le zie, e qualche solitario con windows) da più o meno un annetto.

    Mi sforzo a nuotare verso l'alto, ma riesco solo a muovere la sabbia del fondo, la superficie è ancora lontana.

    Nei prossimi post vi racconterò il percorso fatto e continuerò aggiornandovi sui vari movimenti di pinne che si spera mi porteranno a diventare quantomeno un anfibio.


    A presto.
    Ultima modifica di gudariak; 13-10-2011 alle 14:56

  2. #2
    Scandinavian LAG L'avatar di gudariak
    Registrato il
    Sep 2011
    Posts
    967
    Likes (Given)
    266
    Likes (Received)
    1965

    Predefinito Guda Begins

    Ho scoperto il poker in una vacanza in Croazia, pioveva e in albergo si prendeva solo una tv tedesca che faceva poker, e ho iniziato a capire e appassionarmi. Tornato a casa ho iniziato a vedere il Ciccio e il Pagano. Mi programmavo il registratore per guardarli il giorno dopo a orari umani.
    Poi ho trovato gli streaming di GD e il buon Jack Bonora mi ha convinto.

    Ho iniziato su GD depositando 20 euro a fine estate 2010, ovviamente mi son durati il tempo di leggere le label dei pulsanti (FOLD non c'era, giuro ) , altre due ricariche e un ROI di circa il -40% con i sit da 1 € (ho imparato subito che i newflash di 50 cent erano delle lotterie assurde)

    la mia tecnica era... imparata alla TV ( in TV c'e Ivey vs Durr e non fanno sit da 1€ su GD, ma non capivo la differenza):
    • Limp che mi vedo il flop a poco, ( ...raise di oppo e immischiato in mano assurda)
    • Chiama con 46 e poi spinge fin che folda ( ...azzi non folda...)
    • Olllllllin e aspettare che tengano le carte ( ...mai una gioia)
    • Thinking Process degno di Machiavelli on LSD ( ...e sbagliato)
    • Quello mi sta bluffando... chiamo con 4 high ( ..era vero, stava bluffando: 6 high)
    • Aprivo con le mani che sommavano 17 o più perché lo avevo sentito dire al Pesca. ( … e magari stava parlando di omaha8 di cui ignoravo la esistenza...)

    Ogni tanto facevo un HU e pensavo... 'Ma com'è possibile che abbia sempre buone carte... Rilancia sempre!!!'

    La cosa curiosa è che non avevo il ROI del -100, riuscivo a vincere alcuni Sit e persino arrivare ITM nei MTT di 1-3€ (rigged, tutto rigged per tenere dentro i fish)

    Per Natale avevo spesso un più di un centone, avevo finito di riscattare il bonus (20€) ed ero completamente agganciato al giochino (avevo già segni nelle vene !!!)

    (non ho mai capito perché Sharkscope segna delle perdite molto superiori al denaro depositato, differenza non giustificata nemmeno dai bonus... forse i freeroll vengono visti come depositi??)

  3. #3
    Ball Till You Fall L'avatar di zio_slim
    Registrato il
    Aug 2007
    Località
    Milano
    Posts
    8,020
    Likes (Given)
    351
    Likes (Received)
    1731

    Predefinito

    ciao, abbiamo anche la sezione blog apposita
    http://forum.continuationbet.com/blogs/


  4. #4
    Scandinavian LAG L'avatar di Caesar85
    Registrato il
    Oct 2009
    Località
    Liranu
    Posts
    861
    Likes (Given)
    0
    Likes (Received)
    1

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da gudariak Visualizza Messaggio
    ...quindi perdonatemi qualche svista linguistica...
    Lo parli meglio di me, amico..
    Ogni esistente nasce senza ragione, si protrae per debolezza e muore per combinazione (Jean-Paul Sartre, La nausea)

    "Avete fatto voi quest'orrore maestro?"
    "No, è opera vostra". (risposta di Picasso ad un ufficiale tedesco, in visita al suo studio, alla visione di Guernica)

  5. #5
    Scandinavian LAG L'avatar di gudariak
    Registrato il
    Sep 2011
    Posts
    967
    Likes (Given)
    266
    Likes (Received)
    1965

    Predefinito La coscienza di Guda

    Natale 2010.
    Sono andato a sciare con i soldi finiti su GD, e nessun pensiero, come non avevo pensieri quando mettevo i soldi negli Space Invaders o in Asteroids , la partita finiva, c'era sempre uno che aveva fatto più punti di te ma non ti toccava minimamente.

    Avevo pero un prurito strano (No, non avevo fatto cose 'pruriginose') il poker mi attirava tanto.

    Le gambe mi ricordavano ad ogni discesa che la mia giovinezza fisica non era per sempre (ho fatto gare internazionali di sci trenta e passa anni fa) anzi ormai delle capacità di una volta resta solo quella di trangugiare birra... (forse perché a differenza dello sci in questo mi son tenuto in allenamento...)

    Quindi ho pensato che giocare a poker potrebbe essere un divertimento che mi avrebbe accompagnato per sempre.

    Tornato a casa ho iniziato a considerare il poker non più un gioco ma un hobby. E ho iniziato ad attrezzarmi. Sono andato in libreria e ho cercato... ho trovato solo il Grande Libro del Poker di De Toffoli (con il senno di poi il titolo è un tantino presuntuoso) e mi si è aperto un mondo.

    Il poker non era un semplice giochino, era una disciplina che si doveva imparare e si poteva battere.

    Adesso avevo un libro, e avevo scoperto il mondo online del poker online: forum, articoli, tools, video.

    Mi mancava fare un deposito per il roll e sarei diventato un pokerista.

  6. #6
    Scandinavian LAG L'avatar di gudariak
    Registrato il
    Sep 2011
    Posts
    967
    Likes (Given)
    266
    Likes (Received)
    1965

    Predefinito Guda's Shrimp Company - l'Allevamento dei pesci

    Inizio 2011
    Avevo letto molti forum, avevo imparato molto attorno al mondo del poker , (tutto meno a giocare).
    E quindi, se come sono fish ma non stupido, al momento di fare il versamento che sognavo sarebbe stato l'inizio del mio bankroll miliardario, mi son guardato in giro.
    Ormai avevo letto di Bonus, rakeback etc. Ero costretto a cambiare poker room per avere un Bonus, sono così approdato a Pokerstars con 200 euro e 6 mesi per sbloccare il bonus...



    Questo sistema delle rooms nella distribuzione del rake con bonus benvenuto non la trovo intelligente... Fa che le persone che vogliono depositare, invece di farlo da me, si spostino verso un concorrente...

    Le PR favoriscono i grinder perché con il loro volume di gioco generano molta rake, e quindi creano ricchezza per loro.

    Il problema è che “non solo di rake vive il grinder ” ma ha bisogno anche del profit, è il profit viene assicurato da chi fa poco volume (chi fa molto volume e produce molto profit, subisce un 'collasso darwiniano' e sparisce dal ecosistema).

    Chi fa poco volume non viene minimamente considerato dalle PR, per loro sono clienti occasionali e le lasciano andare. Peccato però che sono l'alimento degli squali che generano il rake.

    Se consideriamo una PR al vertice della catena alimentare, questa ha tutto l'interesse a pasturare i pesciolini per attirare gli squali.

    Un produttore di latte, dovrà curare il prato dove mangeranno le mucche che produrranno il latte, far seccare il prato vuol dire perdere il latte.

    Nel mio caso ho lasciato GD per prendermi il bonus in PS , se avessi avuto una convenienza simile anche in GD non mi sarei imbarcato nella briga di aprire un'altro contratto ( non allora almeno).

    Nel mio parere dovrebbe bastare che le room dessero dei bonus per OGNI deposito (che altro non è che uno sconto sul prezzo del utilizzo del sistema) a tutti quelli che non hanno mai fatto un prelievo.
    Ipotizzo diverse conseguenze benefiche per il sistema: i fish sono più invogliati a versare, i bonus da sbloccare si accumulano legando il fish alla poker room, creano più denaro circolante, i semi-reg non hanno interesse a cash-outare, restando nella room e, dovuto all'aumento di Bankroll , giocheranno a livelli superiori dove genereranno più rake per le room, e diventano pesci più grandi per squali più grandi.

    Insomma un volano positivo per l'intero ecosistema.


    Più recentemente ho trovato un interessante effetto negativo nei bonus benvenuto... C'era una promozione in Sisal che mi davano 10 € se aprivo il conto, ho aperto il conto, ho giocato con i 10 € (ho 15 adesso ) ma non mi sogno nemmeno di depositare su Sisal ...
    Se lo facessi mi brucerei il bonus benvenuto in un momento nel quale non posso sbloccarlo tutto, preferisco non giocare ( o fare 10 mani al mese al NL2 per mantenere il conto attivo) e attendere di aver tempo per grindare al NL50 o 100 per riuscire a sbloccare il bonus e nel mentre giocare in altre PR... hanno perso un cliente grazie al loro bonus benvenuto...

    Morale: Se mangio dagli squali dovrei allevare pesci.

  7. #7
    Tight Agressive L'avatar di rmd4k
    Registrato il
    Mar 2011
    Località
    ZED
    Posts
    221
    Likes (Given)
    7
    Likes (Received)
    4

    Predefinito

    davvero piacevole la lettura ..gl
    [...] E dobbiamo anche aver la forza di non tiltare, di non fare cazzate, perchè poi ci affossiamo da soli... e non c\'è il capo a correggerti e cazziarti, tu sei capo di te stesso, ed essere \"boss\" di qualcosa magari a 20 anni non è per un cazzo facile.
    Insomma ci vuole davvero un commitment pazzesco per diventare grandi a sto gioco, la tecnica pura conta ma da sola serve a poco.
    [zioSlim]


    non mi fanno impazzire gli hero call ma pure gli hero fold mi fanno un pò cagare onestamente [cit]

  8. #8
    Tight Agressive L'avatar di prota69
    Registrato il
    May 2010
    Località
    hirpinia in sannium (campania)
    Posts
    322
    Likes (Given)
    55
    Likes (Received)
    6

    Predefinito

    scriverai qui e sull'altro forum le stesse cose?

  9. #9
    Scandinavian LAG L'avatar di gudariak
    Registrato il
    Sep 2011
    Posts
    967
    Likes (Given)
    266
    Likes (Received)
    1965

    Predefinito

    Si.

    Quale altro forum? c'è un altro forum?... boh
    Writing The Fucking Manual of life:
    Cronache di un Natural Born Fish (Ricordi, Racconti e altre Follie)


    "Guda è il Laliberté dei Micros." (chat Pokerstars)

  10. #10
    Scandinavian LAG L'avatar di gudariak
    Registrato il
    Sep 2011
    Posts
    967
    Likes (Given)
    266
    Likes (Received)
    1965

    Predefinito Sit and Go Broke

    Fine inverno 2010/2011

    Era cominciata la mia nuova stagione di poker, gasato, fiducioso di fargli il cu1o a strisce al mondo.
    Avevo una nuova poker room e un bankroll di 200€ nuovo di zecca appena sfornato dalla mia VISA...

    Il client Pokerstars mi piaceva meno di quello di GD , principalmente perché ero abituato al primo e perché della metà delle opzioni del client nuovo non conoscevo la esistenza o l'utilità, la skin di default di PS non mi piaceva e per pigliare pulsanti a caso più grossi sono, meglio è...

    Mi sono buttato a fare sit, prima da 1€, poi leggendo nei forum che i microlimiti erano follia, e che era meglio andare un po' più su, sono andato subito ai 3€, in realtà il livello di gioco era molto simile (molti giocatori erano gli stessi) e anche i miei risultati erano gli stessi... Il bonus si sbloccava molto più rapidamente, quindi forse c'era una convenienza a giocare al 3€...

    Fortunatamente l'uomo non finisce mai di imparare e io non avevo smesso di leggere. E così, avevo scoperto nozioni come il ROI , bankroll management e soprattutto avevo scoperto SharkScope.

    Felice come un bambino sono andato a sharkarmi... (chi non si è mai googlato almeno una volta? … per trovare un omonimo come presidente di qualche associazione a scopo imbarazzante...tipo “Lega degli Affetti di Disfunzione Erettile Precoce” o roba del genere)

    Sono andato a sharkarmi, dicevo, per trovare questo:

    Spoiler:


    Ci son voluti giorni per recuperarmi del colpo che supponeva l'idea che la mia donkagine era pubblica e documentata... ero tentato di iscrivermi a Shark per nascondere quella ignominia (quei furbi tirano su soldi sulla vergogna della gente)

    Con l'intelligenza brillante che mi ritrovo, son riuscito ad intuire che il ROI -30 a 1€ era molto meglio per il mio roll del ROI -30 al 3€, quindi bonus o non bonus sono ritornato al 1€, con la coda tra le gambe, l'orgoglio ferito, autostima a pezzi...
    Avevo però raggiunto una milestone nella mia carriera pokeristica... Il mio primo Level Down... Level Down un po' particolare in quanto non avevo mai fatto un vero level up ... (e anche questo particolare mi rodeva non poco...)

    in realtà con il level down la sostanza non era cambiata, solo la velocità di discesa...

    All'inizio primavera i campi verdeggiavano e anch'io... ero rimasto al verde.

    Grazie a una costante, ripida, regolare e inesorabile discesa, avevo finito i 200€. Un'altra milestone raggiunta: Ero andato Broke!!!

    Stavo bruciando le tappe...
    Writing The Fucking Manual of life:
    Cronache di un Natural Born Fish (Ricordi, Racconti e altre Follie)


    "Guda è il Laliberté dei Micros." (chat Pokerstars)

  11. Likes zany10 liked this post
  12. #11
    Tight Agressive
    Registrato il
    Jan 2010
    Posts
    394
    Likes (Given)
    64
    Likes (Received)
    31

    Predefinito

    Continua continua, è piacevole
    Seguitemi sul mio blog: http://aghestrong.wordpress.com/

    Se vi piace un mio intervento mettete -REP
    Se non vi piace un mio intervento mettete -REP

  13. #12
    Scandinavian LAG L'avatar di AVanHelsing
    Registrato il
    Nov 2010
    Località
    Bologna
    Posts
    948
    Likes (Given)
    610
    Likes (Received)
    626

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da gudariak Visualizza Messaggio
    Si.

    Quale altro forum? c'è un altro forum?... boh
    ? non l'ho capita.
    - Hai la mia stessa età, ma spesso quando parlo con te mi sembra di parlare con mio padre,
    cioè hai una sicurezza personale disarmante, ti senti mai insicuro di/in qualcosa?

    Sì, ci sono spesso dei turn dove non so se fare 2barrel, e ogni tanto dei river in cui ho voglia di callare ma so che non dovrei. [cit. Luciom]

    Ma quello che ha perso 40k alla snai scommetteva sempre 1k sul Barcellona perdente? [cit.]

  14. #13
    Scandinavian LAG L'avatar di gudariak
    Registrato il
    Sep 2011
    Posts
    967
    Likes (Given)
    266
    Likes (Received)
    1965

    Predefinito Cercando un Alibi

    Inizio primavera 2011: Ero andato rotto...

    Non era come prima della mia presa di coscienza pokeristica, prima finivo i soldi depositati, adesso avevo bruciato il bankroll!!!, la cosa era molto più seria...

    Stordito vagavo per la rete in cerca di conforto...
    Non ero il primo a finire in questa situazione, e come me, molti prima di me avevano cercato di lenire il dolore, bisognava capire cos'era successo e ripartire.

    Le cause del fallimento si potevano raggruppare in tre:
    • - Incapacità da parte mia.
    • - Software truccato.
    • - Sfortuna nel ricevere le carte.


    La prima ipotesi era impossibile, assiomaticamente falsa, cozzava in pieno con il “Principio di Conservazione dell'EGO”, ergo doveva essere scartata come ipotesi di lavoro. (e poi avevo già letto il libro di de Toffoli: sapevo tutto sul poker!!!)

    La seconda (disciplinata come “Grande Teoria del Rigged”) era accattivante, L'idea di una Volontà suprema, responsabile dei tuoi mali, gestore della tua vita, capace di premiare buoni e punire cattivi, aveva un certo fascino...
    Poteva spiegare tante cose, poteva servire per nascondere le mie paure e forse anche per creare dei gruppi di potere che come sommi e unici interpreti della Volontà, approfittassero delle mie badbeat per guadagnare dei privilegi...
    É strano che nessuno abbia sfruttato ancora queste idee...

    La Volontà Suprema andava contro il mio pensiero liberale e logico (sono Vulcaniano ad honorem) quindi la scartai.

    Restava la terza soluzione, ero sfortunato nel ricevere le carte... mmm.
    Sembrava la causa più logica, molti ne parlavano, essendo un gioco di carte è possibile avere un periodo che non ricevi carte, sopratutto se il periodo in esame è corto (-200€ in 300 sit si qualifica abbondantemente come periodo corto – e ripido e pieno di m3rda, come la famosa scala del pollaio)

    OK, ci stavo, ero sfortunato, ...sembrava una buona soluzione... ma ammettere che si è sfortunato ha una piccola deriva semantica... finisci per essere considerato un sfigato o un iettatore, ed entrambe di queste cose entravano in conflitto, con il “Principio di Conservazione dell'EGO”.

    Mi ero cacciato in un 'cul de sac' la cui unica uscita era finire con il poker, relegarlo a un antro della mia memoria e negare che quel periodo fosse mai esistito.

    Ecco pero che le Grandi Menti accorrono nel mio aiuto: Queste vicissitudini pokerisitiche non son sfortuna, sfiga, iella o altre cose mondane.

    No, il poker è una disciplina con basi solide nella matematica e nella statistica, e in quei campi non c'è la sfortuna: esistono eventi casuali che provocano una diminuzione nel valore numerico dei soldi depositati; esistono:

    I Periodi di Varianza Negativa.

    Periodo di Varianza Negativa, ecco cos'era successo, non ero io, erano le circostanze;
    Periodo di Varianza Negativa suonava proprio bene.

    Adesso potevo andare con la giacca in tweed, il foularino, e la pipa a dire con supponenza “Sono in un Periodo di Varianza Negativa”, probabilmente detto al cocktail d'inaugurazione di una mostra, me avrebbe persino procurato una trombata.


    Mi sentivo molto meglio, avevo il mio alibi, adesso potevo iniziare a pensare davvero cos'era successo.

    Fichissimo 'sto Poker: anche quando hai perso tutto, ti da qualcosa...
    Writing The Fucking Manual of life:
    Cronache di un Natural Born Fish (Ricordi, Racconti e altre Follie)


    "Guda è il Laliberté dei Micros." (chat Pokerstars)

  15. #14
    Tight Agressive L'avatar di prota69
    Registrato il
    May 2010
    Località
    hirpinia in sannium (campania)
    Posts
    322
    Likes (Given)
    55
    Likes (Received)
    6

    Predefinito

    ok
    Ultima modifica di prota69; 11-10-2011 alle 12:09

  16. #15
    Scandinavian LAG L'avatar di gudariak
    Registrato il
    Sep 2011
    Posts
    967
    Likes (Given)
    266
    Likes (Received)
    1965

    Predefinito

    System error...
    the current post cannot be displayed because parity bit is unpaired
    Ultima modifica di gudariak; 11-10-2011 alle 21:30
    Writing The Fucking Manual of life:
    Cronache di un Natural Born Fish (Ricordi, Racconti e altre Follie)


    "Guda è il Laliberté dei Micros." (chat Pokerstars)

  17. #16
    Scandinavian LAG L'avatar di gudariak
    Registrato il
    Sep 2011
    Posts
    967
    Likes (Given)
    266
    Likes (Received)
    1965

    Predefinito

    Inizio primavera 2011:

    Avevo trovato l'alibi perfetto, la varianza giustificava le mie perdite.
    Un call con 46 al all-in del chip leader che ti gira i pini, non è una giocata orribile, è varianza....
    A parti invertite con flop 446 è 'Guarda questo donk di m3rda !!! ma impara a giocare !!!...' ...e varianza...

    Fantastico!!! il poker era un gioco di abilità, io ero abile, ma un ineluttabile destino statistico mi faceva perdere soldi. Il mio Ego era soddisfatto. (la mia Postepay un po meno, ma quella si lamenta sempre)

    Finita l'euforia il cervello inizia a funzionare...

    Varianza...Varianza.. ma che cos'è la varianza?

    Da Wikipedia:
    In teoria della probabilità e in statistica la varianza di una variabile aleatoria X (e della distribuzione di probabilità che questa segue) è un numero, indicato con Var(X), che fornisce una misura di quanto siano vari i valori assunti dalla variabile, ovvero di quanto si discostino dalla media E[X].

    Chiaro no?

    Dopo tre ore in google e una telefonata col mio prof del liceo ho capito:

    La varianza indica quanto sparpagliati sono i valori in un insieme...
    Queste due sequenze [4,5,6] e [-130,26,119] hanno entrambe una media di 5, ma è evidente che in un caso i valori sono più raggruppati che nel altro. La varianza indica questo: è la misura di quanto è sparpagliato un insieme... Ma cosa c'entra con il poker???

    ma c'è del altro.

    Sempre da Wikipedia:
    La varianza di una variabile aleatoria non è mai negativa, ed è zero solamente quando la variabile assume quasi certamente un solo valore, P(X=x)=1.

    Non è mai negativa ?!!!?? ma... ma... sono shockato... ma a cosa mi ero aggrappato finora???

    Il mio alibi crollava... le mie certezze svanivano, sentivo, nel turbinio psichedelico di carte e grafici che mi giravano attorno, delle rida e le voci “ il re è nudo, Guda è nudo”... Orazio di CSI diceva togliendosi gli occhiali: ”il tuo alibi è crollato di fronte all'evidenza scientifica”, e i bambini facevano girotondo “loser, loser” mentre venivo risucchiato nelle viscere della terra.

    Mi svegliai sudato, testa pesante, la bocca secca e una botta in fronte che mi ero procurato cadendo mentre svenivo. (mai più gin tonic nelle sagre di paese – ma cosa ci mettono dentro? Dopobarba?)

    Ero da capo, io e il mio bankroll sfumato... senza alibi era il momento di tirar fuori le palle, ma prima volevo andare a fondo nella faccenda varianza...
    Cosa c'entra con il poker???
    Writing The Fucking Manual of life:
    Cronache di un Natural Born Fish (Ricordi, Racconti e altre Follie)


    "Guda è il Laliberté dei Micros." (chat Pokerstars)

  18. #17
    Scandinavian LAG L'avatar di gudariak
    Registrato il
    Sep 2011
    Posts
    967
    Likes (Given)
    266
    Likes (Received)
    1965

    Predefinito Guda's (std dev)2

    Varianza e poker... Qual'è la relazione?

    Per scoprirlo dovremmo fare un'analisi approfondita di entrambe e vedere i punti di contatto.

    Il poker è un gioco che si gioca con le carte (così dicono; Io con le carte non ci ho mai giocato, sempre con mouses, trackpads, touchscreens e roba del genere.)

    < pedantic mode on >
    il plurale di mouse è mice, ma credo che nella fattispecie si dica mouses, magari semplicemente la documentazione tecnica viene scritta da un nerd yankee ignorante e sbaglia il plurale irregolare.
    < pedantic mode off >


    Il mazziere dà due carte a ciascun giocatore in senso orario e, per quanto ho capito fino adesso, lo sviluppo del gioco è così:

    Mi danno carte inferiori all'otto per sei livelli; tento di rubare un buio e vengo ripushato; foldo; resto corto; pusho ATC; mi chiamano; perdo.

    (Non ho letto fino in fondo i contratti e i regolamenti delle varie poker room, ma sono convinto che da qualche parte con lettera piccola c'è scritto “ … e Gudariak perde”)

    Varianza è un termine statistico e probabilistico, quindi per trovare una relazione con il poker dovremmo cercare elementi probabilistici nel gioco.

    La probabilità di un evento è lo studio teorico di quante volte si verificherà questo evento in confronto con l'insieme di tutti gli eventi possibili, un esempio? eccolo:
    Quanto è probabile che appaia AKx in un flop tribettato se ho QQ?
    Questo si chiama 'evento certo'.

    Gli aspetti probabilistici nel poker sono molti e distinti (che carte ho io, che carte ha oppo, cosa esce al flop, al river, i miei stack, etc) anche se si possono riassumere nel concetto statistico di “Mai una Gioia”.

    Limitiamoci quindi allo studio della probabilità che ho di ricevere ciascuna delle mani di partenza:
    le carte a disposizione dei giocatori sono 13x4=52 (per me la cosa è diversa perché gioco da regolamento con le carte scartate della telesina... da qui nasce il mio interesse per il low ... )
    Le possibili combinazioni di due carte prese da queste 52 sono 52x51/2 = 1326, quindi la probabilità di avere ciascuna delle combinazioni è 1/1326.

    Vuol dire che in teoria dopo 1326 milioni di mani sarà uscita ciascuna mano un milione di volte. In teoria.
    Nella pratica ogni insieme di 1326 milioni mani sarà diverso dall'altro, determinando una condizione di partenza diversa per ogni giocatore. Una distribuzione diversa.

    Cerchiamo adesso a mettere insieme la varianza e la distribuzione per vedere se troviamo un legame.

    La varianza avevamo visto che misura il grado di sparpagliatezza di un insieme, ciò è la distanza media tra un elemento X e la media degli elementi del insieme che contiene X. (alla prima lettura non ho capito niente neanch'io, ma rileggere aiuta)

    Quindi dobbiamo identificare un insieme, un elemento, una distanza, una media e il colpevole è il maggiordomo.

    - L'insieme è l'insieme di tutte le distribuzioni possibili.
    - L'elemento è la mia distribuzione (quella con 1325 72o e le QQ del esempio di prima)
    - La media è la media di tutte le distribuzioni ( che si avvicinerà molto alla distribuzione ideale teorica)

    E la varianza in tutto questo cos'è?

    Beh.. è la misura di quanto sono separate una distribuzione dalle altre, di quanto la casualità incide nella distribuzione delle carte, di quanto un giocatore è più ò meno sfortunato di un altro, ma in senso astratto.

    Se tutti avessimo le stesse carte (come agli scacchi) la varianza sarebbe zero. Siccome le nostre distribuzioni sono diverse, la varianza di questo insieme non è zero. Ma è sempre positiva e uguale per tutti.

    Se poi ti tocca una distribuzione di m3rda, la varianza non c'entra, è solo sfiga.
    Writing The Fucking Manual of life:
    Cronache di un Natural Born Fish (Ricordi, Racconti e altre Follie)


    "Guda è il Laliberté dei Micros." (chat Pokerstars)

  19. #18
    Scandinavian LAG L'avatar di gudariak
    Registrato il
    Sep 2011
    Posts
    967
    Likes (Given)
    266
    Likes (Received)
    1965

    Predefinito ..a dorso di un mulo

    Dopo il post sulla varianza di ieri, che aveva pure la pretesa di essere una disquisizione seria...anche se i commenti latitano...
    (se qualcuno non ha capito posso dare lezioni private - a fidanzate e sorelle bone)

    Dicevo:
    Dopo il post sulla varianza di ieri, dove avevo definitivamente appurato che la varianza è intrinseca nel gioco e ne determina il fatto che qualcuno deve essere per forza più sfigato di un altro.
    (non sono riuscito però a trovare la base scientifica di perché quel qualcuno devo essere io).

    Dicevo: (se continuo a interrompermi non lo finisco 'sto post)
    Dopo il post sulla varianza di ieri, posso continuare con il racconto della mia storia Pokeristica. (ce l'abbiamo fatta!!)




    Inizio Primavera 2011:

    Ero broke e stordito, e determinato ad imparare comunque il giochino, almeno per arrivare ad un livello dove non mi vergognasi ogni volta che pensavo a Sharkscope.

    Leggevo nei forum che non bastava giocare, bisognava studiare, confrontarsi, gestire il bankroll, salire i livelli, etc.
    Ero disposto a farlo, ero disposto ad essere allievo, apprendista; Avevo avuto maestri di sci, di tennis, ci ero riuscito, dovrei farcela anche nel poker, magari anche ricorrendo a un maestro.

    Quindi una botterella alla Postepay ed ero di nuovo in pista, Avevo ricaricato ancora su PS perché avevo bonus da sfruttare (ricollegandomi al post dove parlavo di bonus).

    Continuavo a giocare e continuavo a perdere... dando ragione a chi diceva che non bastasse giocare.

    Continuavo a leggere che battere i microlimiti era banale e io continuavo a prendere mazzate nei denti ai microlimiti. Sentivo di ragazzetti imberbi che massacravano i livelli giocando 24x e a me con un solo tavolo aperto mi si accumulava il lavoro.

    Non riuscivo (come non ci riesco tutt'ora) a capire cosa fare per modificare la mia tendenza alla discesa (doveva essere un retaggio della mia epoca di sciatore), chiedevo nei forum e le risposte erano sempre vaghe, e inapplicabili.

    Gioca chiuso e posta le mani dubbie.

    Io giocavo già chiuso, talvolta foldavo persino J5 anche se erano suited. E le mani dubbie erano tutte quante. Non sapevo mai come valutare la mia mano, lo svolgimento post flop, quale tasto dovevo pigiare ne perché (come adesso al PLO8 )

    La posizione? La posizione al tavolo variava tra ottantasette e novantacinque gradi a seconda del oppo. E il range d'apertura anche. Mi stavano massacrando.

    Era giunto il momento di crearsi una libreria. C'erano due libri che tutti consigliavano, Moshman e Harrington, quindi fece qualche sforzo per procurarmeli... anche in inglese.

    Curiosamente donk e mule erano strettamente legati, quindi mi sembrava un accoppiamento naturale. Una googlata e... Sto scaricando...

    - Primo tentativo: Versione in croato o sloveno ...
    - Secondo tentativo: Auguri del editore di spendere in chemio i soldi risparmiati.
    - Terzo tentativo: Le pagine dispari sostituite con link a pokerroom.ru e .cn
    - Quarto tentativo: Mi si impalla tutto de devo riformattare, (perdendo nel mentre la versione originale delle slides del Presidente per la presentazione del bilancio 2010).
    - Quinto tentativo: Amazon + Visa.

    (Porca puzzola!, ai tempi di napster era più semplice.)

    Avevo i libri di testo e potevo iniziare ad applicarmi, nel frattempo il mio roll seguiva la discesa inesorabile. (ricordandomi un' altro elemento statistico chiamato correlazione, tra sit giocati e soldi persi, e in questo caso la varianza era minima.)
    Writing The Fucking Manual of life:
    Cronache di un Natural Born Fish (Ricordi, Racconti e altre Follie)


    "Guda è il Laliberté dei Micros." (chat Pokerstars)

  20. #19
    Scandinavian LAG L'avatar di gudariak
    Registrato il
    Sep 2011
    Posts
    967
    Likes (Given)
    266
    Likes (Received)
    1965

    Predefinito Aculturaments

    Primavera 2011

    Stavo imparando... Leggevo libri e lurkavo i forum.

    Avevo letto Poker Mindset, ed ero arrivato alla conclusione che gli skill richieste erano simili a quelli che ti insegnano in catechismo:

    - Devi fare sempre del tuo meglio (la mossa EV+),
    - Non cercare una soddisfazione immediata, (le soddisfazioni immediate sono peccato; Secondo Padre Zumbini, openlimpare porta alla cecità),
    - Non cercare vendetta, se ti scoppiano gli assi porgi anche i kapponi.
    - L'avidità è una brutta cosa, gioca sempre in roll.
    - Perdona sempre, non adirarti, la calma mistica aiuta al tuo A-game.
    - Abbi fede, la tua ricompensa sarà nel aldilà (che chiamavano long term) dove i giusti verrano premiati e i cattivi andranno rotti.


    Ci sono anche i sette vizi capitali applicati al poker:

    - Superbia: Quando pensi che 100 sit al 4% ti fanno crushare il livello, detto anche level up compulsivo o shoot in the foot.
    - Avarizia: Limpare o callare quando dovrei raisare, ma non mi voglio committare (e poi quello che non parla italiano sarei io...)
    - Lussuria: Youporn in background, visto che non ci danno libertà per gli avatar...
    - Invidia: Mai visti i grafici di nanokono? O il roll di Durr? O il sex appeal di Patrick (per non parlare del roll appeal)
    - Gola: Tutti vogliono mangiare le chip di oppo, ma finiscono mangiati dai bui.
    - Ira: Ma questo Donk !!!.. non riesco a giocare in queste IT!!!, AAMortacciSua!!!, io su FT avevo +12bb/100 e qui mi scoppiano tutto!!! ... Questo server di (...omissis..) instantchatban.
    - Accidia: Non mi alzo dalla poltrona nemmeno per pisciare, e la mancanza di pause sincronizzate, non aiuta.

    Avevo anche letto Harrington.

    Si vedeva che aveva qualche annetto, la skin ai tavoli era ultraminimali.
    Poi IMHO doveva scegliere meglio gli esempi...
    Dopo due pagine per spiegarti che in quella situazione devi foldare, nel esempio vai all-in pre e fai double up... e tu lettore resti a chiederti, cosa avrà voluto dire??( Mi era successo anche leggendo Kant, ma forse stavo sopravalutando Harrington. )

    Una cosa mi era rimasta chiara leggendo Harrington... il poker è un gioco di M.

    Assimilate le letture cercavo ad applicarle al gioco

    Iniziavo ad essere disciplinato, e giocavo con più attenzione.
    Mi ero accorto che prima giocavo in modo distratto, avevo sempre qualcosa da fare oltre la partita, avevo internet, la tele, il lavoro, il telefono (delle volte ero al telefono durante un all-in, e dovevo sembrare un po beota dall'altra parte della cornetta... “Eh? Eh? Ah si, aspetta..., m3rda!!!... Dicevi?” )

    Iniziavo a chiudere il mio range d'apertura, capivo che le mani trash iniziavano mooooolto prima della mia percezione precedente.

    Tutto cio ha creato un inflection point, non nel gioco secondo Harrington, ma nel mio grafico di SharkScope.

    Spoiler:


    Stavo arrestando la discesa.
    Writing The Fucking Manual of life:
    Cronache di un Natural Born Fish (Ricordi, Racconti e altre Follie)


    "Guda è il Laliberté dei Micros." (chat Pokerstars)

  21. #20
    Scandinavian LAG L'avatar di gudariak
    Registrato il
    Sep 2011
    Posts
    967
    Likes (Given)
    266
    Likes (Received)
    1965

    Predefinito Icm

    Fine Primavera 2011

    Un po' più rinfrancato dai risultati, continuavo a studiare convinto di aver invertito la tendenza nel mio grafico, e fiducioso di poter avere un ROI positivo un dì. (pia illusione...)

    Dopo Mindset e Harrington il passaggio successivo era Moshman e l'ICM.

    La prima volta che avevo sentito parlare di ICM era in una intervista a Max Mosele.
    MaxShark diceva che la cosa più importante per essere vincente nei Sit'n'Go era l'ICM.
    Per molto tempo sono rimasto convinto che fosse l'acronimo di una qualche forma dialettale per dire 'Fortuna Sfacciata' (la 'C' in mezzo mi suggeriva questo)

    ICM, Independent Chip Model.

    Quindi la 'C' non era quel posto dove la schiena perde il suo casto nome...

    il significato vero piuttosto mi suggeriva delle chip a forma di farfalla fatte di legno colorato da qualche tribu sudamericana... (voglio vedere se @Erionis riesce a fare il gradasso con chip di quella forma...
    Abbiamo due farfalle e un bruco... Cosa battiamo?”)

    Invece no, era un bordello matematico-statistico che calcolava quanto le chip si svalutano con l'accrescere del numero di chip che hai.

    La cosa aveva un senso, più soldi hai meno valore dai a quanto possiedi. (voglio citare qui una frase di mio padre: “C'è gente così povera che ha solo soldi” non so se l'abbia coniata lui, ma di sicuro ha marcato la mia vita )

    A questo punto il rapporto tra gli outs e le pot odds non erano più lineari, erano influenzati anche dagli stack, nostri e altrui, la struttura dei premi, i bui, gli ante, la posizione, quanti oppo erano nel piatto, e il colore della tinta dei cappelli della dealer... (Harrington la faceva troppo facile...)

    Sempre meglio, ero già in difficoltà a calcolare odds con due variabili e adesso mi ero imbattuto in una formula talmente complessa che nei libri la abbreviavano con omissis.

    Per fortuna c'era ICM Trainer...

    ...

    Saluti con rispetto e affetto a Max e a Erion.
    Ultima modifica di gudariak; 13-10-2011 alle 15:25
    Writing The Fucking Manual of life:
    Cronache di un Natural Born Fish (Ricordi, Racconti e altre Follie)


    "Guda è il Laliberté dei Micros." (chat Pokerstars)

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •