Likes Likes:  112
Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 41 a 60 di 75

Discussione: *** Official Autobiografia Dario Alioto ***

  1. #41
    Scandinavian LAG L'avatar di jacson
    Registrato il
    Aug 2012
    Posts
    502
    Likes (Given)
    545
    Likes (Received)
    366

    Predefinito

    ammazza che bravo !!


    Complimentoni davvero. Sti cazzi della tecnica, nella scrittura ci vuole talento e imho ne hai un bel pò !!

  2. #42
    Amministratore L'avatar di Ryu
    Registrato il
    Sep 2007
    Posts
    3,757
    Likes (Given)
    395
    Likes (Received)
    1490

    Predefinito


  3. #43
    Scandinavian LAG L'avatar di self outplayato
    Registrato il
    Dec 2011
    Posts
    951
    Likes (Given)
    802
    Likes (Received)
    383

    Predefinito

    si ma i nomi nn se possono legge edita con qualcosa tipo mario dinieri ect
    Remember to always be yourself. Unless you suck.

    Communist until you get rich;
    Feminist until you get married;
    Atheist until the airplane starts falling.

    ........ - The Hypocrite Diaries

  4. Likes Ryu, gimmy81 liked this post
  5. #44
    Scandinavian LAG L'avatar di jacson
    Registrato il
    Aug 2012
    Posts
    502
    Likes (Given)
    545
    Likes (Received)
    366

    Predefinito

    looooooooooooooooooooool



    per leggerlo sono andato sit out su un sit ( 3 left e CL ) mi so ritrovato con 2BB DOH

  6. #45
    Amministratore L'avatar di Ryu
    Registrato il
    Sep 2007
    Posts
    3,757
    Likes (Given)
    395
    Likes (Received)
    1490

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da jacson Visualizza Messaggio
    looooooooooooooooooooool



    per leggerlo sono andato sit out su un sit ( 3 left e CL ) mi so ritrovato con 2BB DOH
    Ti ha rapito eh!

    Metterò un disclamer come scarico di responsabilità, non ti rimborso!

  7. #46
    Scandinavian LAG L'avatar di Brianmay
    Registrato il
    Nov 2009
    Posts
    949
    Likes (Given)
    1812
    Likes (Received)
    1169

    Predefinito

    Io ho iniziato a giocare leggendo di te/minieri sui vari giornali di poker per omini nel 2008/2009 depositando i primi dollari su everest e altre room a caso.... quindi leggere la tua biografia è stato veramente figo, visto che lo devo anche e soprattutto a voi se ora faccio questo.
    Non pretendo che la gioia non possa accompagnarsi alla bellezza; ma dico che la gioia è uno degli ornamenti più volgari, mentre la malinconia è della bellezza, per così dire, la nobile compagna, al punto che non so concepire un tipo di bellezza che non abbia in sé il dolore

    C. Baudelaire

  8. Likes abyssis, Ryu liked this post
  9. #47
    Tight Agressive L'avatar di abyssis
    Registrato il
    Oct 2009
    Località
    Dressrosa
    Posts
    385
    Likes (Given)
    259
    Likes (Received)
    83

    Predefinito

    Quest'attesa per i nuovi capitoli è tiltante tanto quanto aspettare per un nuovo episodio di One Piece ogni domenica !!

    "Lo vogliamo tutto e subito" cit. omine fan unknown

  10. #48
    Amministratore L'avatar di Ryu
    Registrato il
    Sep 2007
    Posts
    3,757
    Likes (Given)
    395
    Likes (Received)
    1490

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da abyssis Visualizza Messaggio
    Quest'attesa per i nuovi capitoli è tiltante tanto quanto aspettare per un nuovo episodio di One Piece ogni domenica !!

    "Lo vogliamo tutto e subito" cit. omine fan unknown

    Ok, lo ammetto, non mi ricordo come è andara a finire...
    Lo dicevo io che sto rincoglionendo!

  11. #49
    Amministratore L'avatar di Ryu
    Registrato il
    Sep 2007
    Posts
    3,757
    Likes (Given)
    395
    Likes (Received)
    1490

    Predefinito

    Avevo fatto diverse ricerche, volevo scoprire qualcosa in più di quel mondo. Il giusto esercizio, la prontezza di riflessi e un timing studiato a livello maniacale potevano far si che il baro della partita si assicurasse un vantaggio importante, tangibile, nonché contrario a qualunque etica, regola o netiquette.

    Avevo ordinato alcuni video e manuali di Claudio Facilla, rispettato prestigiatore specializzato nello studio delle tecniche dei bari. Nei suoi video e manuali illustrava i trucchi più diffusi e pericolosi. Il materiale non metteva il fruitore in condizione di imparare le mosse in maniera efficace, ma di riconoscerle e prevenirle.

    Studiando i contenuti, mi rendevo conto che qualunque trucco applicabile in partite come la nostra richiedeva l'ausilio di almeno un compare oppure la padronanza di tecniche per annullare l'alzata.

    Un mazzo manipolato da un baro, dopo un taglio corretto diventa praticamente inutilizzabile a tal fine.
    L'unico modo per mantenere l'efficacia di una manipolazione è proprio quello di ripristinare l'ordine imposto alle carte annullando il taglio del mazzo che si richiede al giocatore alla destra del dealer.

    Questa scoperta palesava il fatto che ci trovavamo di fronte a un baro rudimentale, le mosse di annullamento dell'alzata sembravano indubbiamente al di fuori dalla sua portata.
    Non aveva mai dato segno di avere la giusta manualità per riuscire a effettuare tali manipolazioni e convalidarle con tecniche per l'alzata come il Double Duke.

    Non serviva cercare altro, ulteriori registrazioni sarebbero state superflue.

    Era il momento di preparare un piano d'azione per riprendere i soldi che aveva rubato così vergognosamente.

    C'erano due trucchi che potevamo utilizzare, si trattava di tecniche assolutamente basiche, riportate solo a scopo illustrativo. Potevamo preparare un mazzo preordinato con una precisa sequenza illustrata nel manuale, così che nonostante l'alzata, orientandosi grazie alle cinque carte in mano, era possibile seguire uno schema per assicurarsi che il target subisse un cooler(1) sfavorevole, perdendo con full contro full.

    Il secondo metodo permetteva di riutilizzare delle carte passate nel turno precedente. Era sfruttabile, ad esempio, nei casi in cui si passava un tris senza andare allo showdown.

    Il mazziere della mano successiva doveva raccogliere le cinque carte passate adagiandole in fondo al mazzo, mescolarle facendo attenzione a non intaccare le ultime tre e offrire un ponte(2) all'alzatore, necessariamente un complice.

    A quel punto la mano era pronta e i compari sapevano esattamente quali cambi fare per assicurare il tris in entrata al complice, quindi un facile full.

    Poteva essere sufficiente? A mio parere doveva essere solo l'inizio.

    Durante la riunione in cui mostravo il materiale di Facilla, mi scervellavo cercando di elaborare un piano, ma non riuscivo a stimolare l'interesse dei miei compari, la cosa era frustrante.

    Dopo aver lasciato il materiale a Jacopo mi avviavo verso casa, non ero stato in grado di spiegare quello che mi frullava nella testa. Sì, ero un po confuso, ma ero certo di aver capito come poter fare qualcosa di meglio che un paio dei trucchetti emulando maldestramente un prestigiatore.

    La base era semplice, tralasciando la manipolazione del mazzo bastava alterare i giri di puntate per costruire dei piatti grandi quando uno di noi aveva una buona starting hand.
    Con una mano marginale, invece di passarla, potevo entrare nel piatto con l'unico scopo di aggiungere chips e far si che il mio compagno potesse sfruttare il valore del proprio punto, portando a casa un grosso piatto.

    Quando uno di noi possedeva una buona mano di partenza poteva contare su una costruzione del piatto che lo metteva in condizione di vincere molte chips al nostro bersaglio, che invece doveva costruirseli da solo.

    Il mio piano prevedeva dei segnali che indicavano il tipo di punto(3) e la qualità dello stesso(4).

    Chi aveva in mano una buona mano doveva dare un colpetto leggero al piede del compare, questi avrebbe trasmesso il segnale al terzo dando però due colpetti(5). A quel punto i due osservatori sapevano già che c'era un punto degno di attenzione e in base al segnale convenuto avrebbero capito con una certa precisione il tipo di punto in oggetto e agire di conseguenza.

    Si trattava di segnali studiati in modo da essere quasi impercettibili, col gioco dei colpetti bastava eseguirli per pochi secondi - ricevendo l'attenzione di entrambi i compari - e poi concentrarsi sulle puntate.


    Eravamo in tre, sapevamo di dover affrontare un fottutissimo baro da quattro soldi, già questo era un vantaggio enorme, andava sfruttato. Non vedevamo l'ora di ricambiarlo con la stessa moneta. Mentre lui provava ad applicare i suoi stupidi trucchetti, noi facendo i finti tonti l'avremmo ripulito! O forse no...




    Note:

    1. Colpo imparabile dove una mano molto forte si scontra inevitabilmente contro una superiore.

    2. Tecnica utilizzata per indicare il punto in cui tagliare, mettendo la parte del mazzo da alzare leggermente fuori linea rispetto alla parte rimanente.

    3. Tris, Scala o Full/Colore

    4. Tris o Scala bassi, medi e alti. Full basso, medio e Full d'Assi/Colore

    5. Chi sedeva in mezzo tra i tre complici con il doppio calcetto faceva da tramite per quelli che sedevano di fronte


    Tutti i diritti sono riservati, la riproduzione integrale o parziale è vietata.
    Ultima modifica di Ryu; 26-01-2013 alle 14:49

  12. Likes Zedd, abyssis, Rorshark liked this post
  13. #50
    ensibrindisium
    Guest

    Predefinito

    non puoi fermarti sul più bello

  14. Likes abyssis liked this post
  15. #51
    Tight Agressive L'avatar di abyssis
    Registrato il
    Oct 2009
    Località
    Dressrosa
    Posts
    385
    Likes (Given)
    259
    Likes (Received)
    83

    Predefinito

    che agonia ogni volta ...
    Ultima modifica di abyssis; 19-01-2013 alle 04:46

  16. #52
    Amministratore L'avatar di Ryu
    Registrato il
    Sep 2007
    Posts
    3,757
    Likes (Given)
    395
    Likes (Received)
    1490

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da abyssis Visualizza Messaggio
    che agonia ogni volta ...
    Dai che forse tra Sabato e Domenica riesco a chiudere l'Epopea...

  17. Likes abyssis, Zedd liked this post
  18. #53
    Tight Agressive L'avatar di abyssis
    Registrato il
    Oct 2009
    Località
    Dressrosa
    Posts
    385
    Likes (Given)
    259
    Likes (Received)
    83

    Predefinito

    @Ryu è una settimana che nn posti aggiornamenti ! Vuoi ridurci proprio come succede con one piece

  19. #54
    Amministratore L'avatar di Ryu
    Registrato il
    Sep 2007
    Posts
    3,757
    Likes (Given)
    395
    Likes (Received)
    1490

    Predefinito

    Hai ragione, mi é morto il pc e adesso mi devo arrangiare con un 11" vecchio con la testiera in inglese, quindi senza gli accenti.

    Il centro assistenza piú vicino é a 40 minuti di traffico solo andata...

    In realtá ho avuto anche pochissimo tempo in generale e la situazione non dovrebbe migliorare a breve, comunque ci tengo a consegnare entro fine mese, faró il possibile!

  20. Likes abyssis liked this post
  21. #55
    Amministratore L'avatar di Ryu
    Registrato il
    Sep 2007
    Posts
    3,757
    Likes (Given)
    395
    Likes (Received)
    1490

    Predefinito

    C'era una condizione necessaria e imprescindibile per un'agevole applicazione dei nostri piani. Andavano abolite tutte le varianti e dovevamo fare in modo di giocare esclusivamente al classico poker chiuso.

    Eravamo ospiti fissi in casa di Jacopo, nell'ultimo paio di sessioni era stato particolarmente sfortunato, prendendo un pesante scivolone. Una sua richiesta in tal senso, viste le premesse, sarebbe stata accettata dal nostro target.

    Nella seduta di briefing, dove facevamo le prove generali di tutto il nostro armamentario, il padrone di casa mi mostra il frutto delle sue esercitazioni sui video di Failla. Aveva imparato con una accuratezza invidiabile un paio di metodi di annullamento dell'alzata! Ero stupefatto, non mi aspettavo una sorpresa cosí piacevole.

    Avevamo poco tempo per trovare un modo di sfruttare queste sue nuove skill, ma in realtá non ci servivano studi ulteriori. Un giocatore in grado di annullare il taglio non ha bisogno di complici, Jacopo sarebbe stato in grado di applicare tali tecniche autonomamente.

    Volevamo fare le cose per bene, quindi era pronta una serie di accorgimenti finalizzati ad impedirgli l'utilizzo dei suoi soliti trucchetti, in una maniera che sembrasse spontanea.

    I set di chips andavano scremati in maniera tale da togliere le placche, cosí da non potervi occultare delle carte. Il problema dello "splashing the pot" era fortemente limitato dalla natura del poker classico, dove i giri di puntate erano solo un paio, molti meno rispetto a parecchie varianti. I pottini venivano aboliti, utilizzando carta e penna da mantenere sempre a vista, utilizzando una notazione che rendesse lampanti eventuali manomissioni delle poste annotate.

    Avremmo contato il mazzo molto spesso, con la scusa di sentirlo leggero all'impugnatura, in modo da scoraggiare la sottrazione di carte. Gli accorgimenti sarebbero stati innumerevoli, tutti applicati con la massima nonchalance.

    Il sistema dei segnali giá dalla prima sessione dava i frutti sperati, nonostante si trattasse ancora di una fase di rodaggio. Anche i vari trucchi andavano alla grande, ma richiedevano uno sforzo di concentrazione tale da poter essere impiegati un numero limitato di volte, sempre con l'ansia di sbagliare qualcosa.

    Dopo le prime due sessioni era evidente che il sistema dei segnali a regime era ben piú efficiente dell'applicazione dei trucchi, in quanto poteva essere applicato in tutte le mani, senza particolari sforzi ne controindicazioni.

    Nel contempo Saverio non trovava mai delle buone occasioni per attuare le sue stupide mosse, avevamo pensato a tutto, o quasi.

    Erano passate parecchie settimane dalle prime partite in cui avevamo cominciato a sospettare di avere un baro.

    Per qualche mese non si riuscí piú ad organizzare la partita. Tra settimane di ritiro e gare con la Nazionale di Lotta Libera, la preparazione agli esami estivi dell'universitá e il viaggio ad Atene(1), non capitó piú occasione per giocare prima di Settembre.

    Proprio allora Piero partiva per Budapest a fare l'Erasmus, sarebbe mancato un anno.
    Prima della pausa avevamo giocato quattro partite "speciali" e il nostro baro aveva perso complessivamente una ventina di poste, circa il quindici per cento di quello che aveva vinto in precedenza.

    Volendo, si poteva trovare lo spazio per incastrare qualche partita tra i vari impegni, ma in realtá mancava l'input iniziale.
    Da sempre era Saverio a chiamare gli altri convincendoli ad organizzare, ma ormai non chiamava piú.

    Forse gli era passata la voglia di spennarci ? Non saprei, di sicuro non avrebbe mai immaginato di poter perdere per quattro sere consecutive senza mai "entrare in partita".

    Piero sarebbe tornato a Natale per un paio di settimane, ma non avevamo voglia di aspettarlo e forse serviva uno stimolo in piú per risvegliare in Saverio la sua ingordigia.

    Fausto aveva partecipato ad una sola partita nel nostro gruppo, molto prima che scoprissimo la vera natura del nostro nuovo nemico. Aveva perso un pó, ma neanche troppo, era stata la prima e ultima volta.

    Potevamo mettere da parte i trucchi piú sofisticati, insegnargli il sistema dei segnali e farlo entrare nel terzetto.

    Eravamo sicuri che Saverio avrebbe apprezzato il cambio, dove si avvicendava un giocatore meno esperto e smaliziato rispetto ad un altro ormai abituato alle dinamiche in tali partite.

    Peró non eravamo sicuri di poter applicare il nostro sistema con Fausto, era un grosso rischio, la sua inesperienza ci avrebbe esposto troppo?

    Fausto era un ragazzo inesperto, ma sveglio. Una volta a regime il suo subentro non si sentiva nemmeno.

    Cosí passarono altre sei sessioni, il nostro target che continuava a perdere.

    Non era semplice dissimulare le reazioni che qualcuno di noi poteva avere quando un compare faceva una scelta discutibile contro Saverio, perdendo di fatto i soldi di tutti e tre.

    Ma la cosa piú difficile era rendere credibili i nostri atteggiamenti, i nostri umori e le reazioni quando capitavano degli scontri tra noi.

    Una sera io vincevo una cifra record, Jacopo perdeva veramente tanto, mentre Fausto era in pari e Saverio perdeva una cifra modesta. Sembravamo degli attori provetti, con Jacopo che mi stuzzicava per il mio "culo osceno", mentre io gli davo del "pollo gigante".

    Ma prima o poi la cosa sarebbe finita, era inevitabile. Dopo una decina di sessioni speciali, il nostro caro baro non avrebbe piú giocato, lasció sul campo poco meno della metá di quello che era riuscito a vincere in precedenza.

    Da brava persone qual'é ha pensato bene di lasciarsi un debito di 180 euro in chiusura dell'ultima sessione(2).

    Pensandoci bene, la cifra che gli é rimasta in tasca, forse l'avrebbe guadagnata ugualmente giocando onestamente, vista la sua abilitá, senza alcun trucco da ambo le parti.

    Non c'é mai stata una resa dei conti finale. L'anno successivo guardavamo le partite del Palermo insieme, assieme ad un terzo, suo amico di vecchia data.

    Forse avremmo dovuto avvertire i suoi vecchi amici di che persona avevano di fronte, la falsitá impersonificata.
    Il classico bravo ragazzo, il "pezzo di pane", sensibile, animalista, amicone...

    Tutte stronzate, probabilmente non sarebbe servito a nulla e forse ci avrebbe fatto piú comodo tenerci questo segreto e continuare a far finta di nulla.

    Lui giocava una partita settimanale con i suoi vecchi amici, non so ancora cosa pensare a riguardo, se barasse anche con loro o meno. Probabilmente no, si trattava di una partita con poste da cinque euro, dove alla fine si segnava e raramente si mettevano le mani in tasca per estinguere i debiti.

    Quello che so é che lui rimarrá sempre un giocatore da quattro soldi e io alla fine sono diventato quello che sono.

    Un paio d'anni dopo l'ultima partita era li a chiedermi consigli sul poker americano e io non vedevo l'ora di sputtanarlo non appena avesse ottenuto qualcosa da questo ambiente. Mai far sapere al tuo nemico quello che pensi veramente.

    Per fortuna non é mai stato nessuno, forse sa bene che questa strada gli é preclusa.

    Non sará mai un pokerista, dovrá nascondersi per sempre, rimanere nell'anonimato, non dare nell'occhio.

    Dopo questa storia finalmente capirá tante cose e forse avrá molte conferme di ció che finora avevo solo potuto intuire.

    Non ho piú bisogno di aspettarlo, ormai la sua vera natura é rivelata in questa storia, dove manca solo una cosa, il suo vero nome.





    Note:

    1. Da spettatore seguivo le gare tutti i giorni, soprattutto quelle di Lotta e Judo, dove spesso si battevano i miei compagni di allenamento.

    2. Era una prassi lasciare una parte della cifra persa a credito, da compensare con le vincite successive.



    Tutti i diritti sono riservati, la riproduzione integrale o parziale è vietata.
    Ultima modifica di Ryu; 26-01-2013 alle 22:29

  22. #56
    Amministratore L'avatar di Ryu
    Registrato il
    Sep 2007
    Posts
    3,757
    Likes (Given)
    395
    Likes (Received)
    1490

    Predefinito

    Nella prossima puntata gli insegnamenti che ho tratto da questa esperienza che mi ha segnato pesantemente e le cui conseguenze hanno influito sicuramente nel mio modo di affrontare questa professione.
    @abyssis

  23. Likes abyssis liked this post
  24. #57
    Banned
    Registrato il
    Sep 2011
    Posts
    574
    Likes (Given)
    5
    Likes (Received)
    440

    Predefinito

    go ahead man @Ryu

  25. #58
    Cbet VIP User L'avatar di Rorshark
    Registrato il
    Sep 2009
    Località
    Bologna
    Posts
    1,329
    Likes (Given)
    2702
    Likes (Received)
    738

    Predefinito

    Dario, mi hai dato più dipendenza tu con questa storia che l'80% dei film che ho visto sul poker!

    E scrivi pure molto bene... Bravo davvero.

  26. #59
    Amministratore L'avatar di Ryu
    Registrato il
    Sep 2007
    Posts
    3,757
    Likes (Given)
    395
    Likes (Received)
    1490

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Rorshark Visualizza Messaggio
    Dario, mi hai dato più dipendenza tu con questa storia che l'80% dei film che ho visto sul poker!

    E scrivi pure molto bene... Bravo davvero.
    Ti giuro che ho pensato un sacco di volte a come sia possibile che i film sul poker siano sempre degli aborti, l'unico film che ho trovato interessante a parte l'ovvio The rounders é stato quello biografico su Stu Ungar. Un film senza un regista particolarmente bravo, attori sconosciuti, ma che poggia su una storia unica. IMO é quella l'unica via per fare un film sul poker senza inventarsi storie trash/inverosimili. Sono fin troppi i pokeristi che hanno vissuto delle storie da film, senza bisogno di inventare nulla.

  27. Likes Rorshark liked this post
  28. #60
    Tight Agressive L'avatar di abyssis
    Registrato il
    Oct 2009
    Località
    Dressrosa
    Posts
    385
    Likes (Given)
    259
    Likes (Received)
    83

    Predefinito

    Dario mi elenchi i nomi dei giochi che voi facevate nelle vostre sessioni aggiungendo brevemente quante carte in mano, a terra etc...

    Sono curioso di sapere se sono simili a quelli che faccio io e se il nome in Sicilia è diverso.

    Inoltre, partivate dal 7 essendo 4 giocatori, confermi ?

    A quanto il rilancio massimo nelle varie street e in quella finale ? Un 2x o anche 5x ?

    questi gioki mi fanno impazzire
    @Ryu

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •