Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
cards-fly

SNG – Come imparare bene i SNGs : Hand Ranges – Parte 1

Questo articolo e’ il secondo della serie sullo studio dei SNGs.
Nella prima parte si e’ discusso di metodi di studio, marcare le mani, usare i filtri di HEM e come imparare l’ ICM.
In questo articolo parlero’ dei ranges di call da assegnare agli avversari nello studio delle mani con i calcolatori ICM.

 

Indice dei contenuti

01. Introduzione – Quindi, da cosa veniamo chiamati?
02. Blind vs Blind in bolla
03. Heads-Up
04. Giocare contro questo Range
05. Confronto con l’ equilibrio Nash

 

01. Introduzione – Quindi, da cosa veniamo chiamati?

Uno dei primi consigli che solitamente i nuovi giocatori ricevono quando si avvicinano allo scoraggiante compito di usare SNGWizard per imparare l’ ICM e’, “non usare i ranges di default !”.
I calcolatori ICM sono accurati quanto lo sono i ranges che assegnate ai vari giocatori.
Se i ranges non sono impostati in modo appropriato, il risultato del calcolo sara’ completamente inutile.
Questo porta in modo naturale a porsi la domanda, “quindi, quali ranges dovrei assegnare ai giocatori?”.

Armato di un database di circa 200k mani di SNGs 6-max, ho voluto farmi un idea migliore dei calling ranges del mondo reale controllando da cosa veniamo effettivamente chiamati.
Inoltre, ho cercato di dare una risposta ad una domanda piu’ ampia – quanto i ranges dei miei avversari si avvcinano all’equilibrio Nash?
Un concetto comune spesso ripetuto e’ che i giocatori scarsi chiamano troppo tight in bolla – e’ confermato o meno dalle mani reali?

Voglio chiarire che, anche se i dati qui presentati sono interessanti, il campione utilizzato presenta molti difetti. 200K mani e’ un sample size piccolo quando viene filtrato per cercare situazioni specifiche, inoltre non ho fatto alcuna analisi sui livelli di fiducia dei dati.
Queste mani sono state tutte giocate su Pokerstars piu’ di un anno fa’, low e middle stakes 6-max SNGs.

Cercheremo di stabilire dei ranges di call standard per i nostri avversari per avere una base di partenza nello studio delle mani su SNGWizard ed allo stesso tempo dei ranges di shove per Hero basati sulle read sui giocatori alla sua sinistra.

Il gioco si evolve, cosi come gli avversari “tipici”, per questo vi consiglio caldamente di eseguire uno studio basato sui vostri dati, se volete ottenere informazioni rilevanti.

 

02. Blind vs Blind in Bolla

Detto questo, questi sono i filtri che ho usato per filtrare le mani :

  • 3 giocatori rimasti
  • Posizione di Hero : Small Blind
  • Action Preflop : Onopened (i.e., il bottone ha foldato)
  • More filters : PFR = True, Folded to Preflop 3bet = False, Flop Bet = False, Flop Check = false, Flop Raise = False, Limp re-raised = False

Questi filtri possono essere tradotti in : In bolla, apriamo con un raise dallo small blind; Vinciamo la mano preflop senza showdown, oppure veniamo chiamati all-in prima del flop.
Questo includera’ le volte in cui raisiamo e chiamiamo una 3bet; raisiamo, veniamo 3bettati, 4bettiamo e BB folda, etc.. Ma non includera’ le volte in cui rasiamo, veniamo flattati e vediamo il flop.

Nota : Un alternativa e’ di filtrare usando “preflop raise size > 5bb”, ad esempio. Questo limitera’ le mani ai soli all-in.
Molti giocaotri raiseranno delle mani perche’ (a) vogliono ridurre la fold equity, con una premium hand, oppure (b) pensano che il raise abbia piu’ fold equity dello shove.
Usando il filtro descritto sopra, verranno incluse le mani in cui siamo committed preflop.
Le percentuali risultanti nella colonna degli “all-in preflop” rappresentano una buona stima dei calling ranges che possiamo assegnare al BB.

Ho quindi modificato di volta in volta il settaggio dello stack effettivo secondo range specifici, ed annotato la percentuale di volte in cui si e’ arrivati allo showdown.
Questa percentuale “went to showdown” indica il numero di chances di essere chiamati dal big blind; Oppure, per metterla in un altro modo, il calling range del giocatore sul big blind.

La tabella seguente mosta i risultati di questa analisi :

From   ToCall %
2462%
4638%
6828%
81024%
101219%
121419%
141610%
16208%

Ad esempio, con stack effettivi compresi tra 10 e 12 BBs, quando siamo andati all-in dallo small blind, il big blind ha chiamato il 19% delle volte.

Prendendo il valore medio degli intervalli di stack effettivi, ho ricavato questo grafico :

 

I risultati potrebbero non essere molto sorprendenti, ma quello che possiamo ricavare da questo grafico e’ una base abbastanza solida da cui partire per impostare i nostri ranges di default nell’ analizzare una situazione su SNGWizard.

Questo metodo puo’ essere utilizzato anche in altri scenari, oppure per ricavare i ranges di shove degli avversari.
Se nella mano sono presenti piu’ giocatori alla sinistra di Hero, e’ necessario approssimare leggermente i risultati dell’analisi : diciamo ad esempio di andare all-in dal bottone, la percentuale che ricaveremo rappresentera’ le volte in cui lo small blind oppure il big blind – o entrambi – hanno chiamato.
In ogni caso, utilizzando filtri aggiuntivi (lavorando sul numero di volte che SB folda e BB chiama) possiamo raggiungere una buona approssimazione dei calling ranges di default.

 

Fonte : http://www.sickread.com/blog/article/how-to-learn-good-them-sngs-2-hand-ranges/

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.