Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
Professional poker player

STT – Come utilizzare l’ Independent Chip Model (ICM)

Nell’ articolo precedente, in cui abbiamo risposto alla domanda “che cos’ e’ l’ ICM nel Poker ?”, abbiamo visto come differenti dimensioni di stacks hanno quantitativi di equity variabili nel montepremi complessivo del torneo.

Riprendendo l’ esempio dell’ articolo precedente :

  • Giocatore A – 5,000 chips.
  • Giocatore B – 2,500 chips.
  • Giocatore C – 2,500 chips.

Ogni giocatore aveva i seguenti quantitativi di equity monetaria nel montepremi di $100 del torneo, con struttura premi di $50 per il primo, $30 per il secondo, e $20 per il terzo.

  • Giocatore A: (5,000 chips) = $38.33 equity.
  • Giocatore B: (2,500 chips) = $30.83 equity.
  • Giocatore C: (2,500 chips) = $30.83 equity.

In questo articolo mostrero’ come e’ possibile utilizzare questi valori di equity ICM per decidere se callare o meno degli all-ins di altri giocatori mentre ci avviciniamo ai premi in un SNG.

 

cEV e $EV

Per prima cosa, dobbiamo comprendere la differenza tra cEV (chip EV) e $EV (EV monetario) nei tornei SNG. Come dovreste gia’ sapere, EV sta per “Expected Value”.

  • Il cEV e’ l’ ammontare di chips del torneo che ci aspettiamo di vincere\perdere con una giocata.
  • Il $EV e’ l’ ammontare di equity nel montepremi del torneo che ci aspettiamo di guadagnare\perdere con una giocata.

 

cEV

Il chip EV funziona analogamente all’ EV del cash game. Ad esempio, se il vostro avversario shova all-in per 1,000 chips con AQ, e voi callate con AK, vi aspettate di vincere in media 480 chips ogni volta in cui callate questo all-in.

Il chip EV, come potreste aspettarvi, e’ semplicemente quante chips del torneo vi aspettate di vincere o perdere con ogni giocata che fate.

$EV

Il $EV e’ una versione leggermente avanzata del cEV, dato che l’ $EV indica la porzione di montepremi del torneo che vi aspettate di guadagnare o perdere con ogni giocata che fate.

Ad esempio, se callate un all-in con AK contro AQ, come nell’ esempio del cEV, guadagnerete si 480 chips, ma di quanto la vostra equity nel montepremi aumentera’ aggiungendo queste 480 chips al vostro stack ?
Per metterla in un altro modo, di quanto aumentano le vostre chances di andare a premio nel torneo con queste 480 chips extra ?

Questa e’ la differenza tra cEV e $EV. Guardare al $EV nei tornei rappresenta un modo molto piu’ profittevole di guardare all’ expected value.
Tutto l’ articolo sara’ basato sul $EV, quindi non preoccupatevi se non l’ avete ancora compreso a fondo. Le cose diventeranno molto piu’ chiare proseguendo.

 

Utilizzare l’ ICM di fronte a decisioni difficili

Di fronte ad una decisione difficile, vogliamo calcolare se il callare aumenta o meno la nostra equity complessiva sul montepremi.

Ad esempio, se abbiamo ATo sul BB e lo SB shova all-in con ogni mano random, non dobbiamo preoccuparci del numero di chips che ci aspettiamo di vincere in media nel callare, dobbiamo preoccuparci del se il callare aumenta la nostra equity sul montepremi o meno.

Dopotutto, non vorremmo mettere a rischio le nostre possibilita’ di finire in the money andandoci a mettere in una situazione soltanto leggermente migliore di un coin flip.

Quindi questo e’ il punto in cui utilizziamo l’ ICM per calcolare se l’ eseguire un call in bolla, o vicino alla bolla, e’ profittevole o meno nel lungo periodo.

 

Esempio di utilizzo dell’ ICM

Diciamo di stare giocando in un sng standard da 10 giocatori, buyin $10 con un montepremi di $100, con una struttura che paga $50 per il primo posto, $30 per il secondo, e $20 per il terzo.
Proseguendo con l’ esempio precedente, ci sono quattro giocatori rimasti al tavolo e ci troviamo sul BB con ATo.

I blinds sono 100 / 200 e le dimensioni degli stacks sono le seguenti :

  • (HERO BB) Giocatore A – 2,000
  • (SB) Giocatore B – 2,000
  • (BTN) Giocatore C – 2,500
  • (CO) Giocatore D – 3,500

Tutti foldano fino allo SB che shova all-in per 2,000 chips. Sappiamo per certo che questo giocatore e’ molto aggressivo e potrebbe stare shovando con any two cards.
Dovremmo callare o foldare ? E’ necessario compiere tre passi :

  1. Calcolare la nostra equity contro il range del nostro avversario.
  2. Calcolare i cambiamenti nell’ equity del montepremi per tutti i diversi risultati (del callare e vincere/perdere o del foldare).
  3. Calcolare se il callare aumenta la nostra equity nel montepremi.

 

#1 Calcolare la nostra equity

Iniziamo con le basi e calcoliamo la nostra percentuale di vittoria con il nostro ATo contro il range del nostro avversario costituito da any two cards.
Inserendo questi valori su Pokerstove otteniamo che la nostra mano ha il 62.7% di equity contro il range dell’ avversario.

Possiamo quindi affermare che :

  • Esiste una possibilita’ del 62.7% che aumenteremo il nostro stack a 4,000 chips.
  • Esiste una possibilita’ del 37.3% che perderemo tutte le nostre chips, concludendo il torneo fuori dai premi.

Il callare sembra gia’ leggermente rischioso, ma passiamo al passo successivo per vedere se nel lungo periodo questo sara’ un call profittevole o meno.

 

#2 Calcolare i diversi cambiamenti nell’ equity del montepremi

Per completare questo passo avremo bisogno di un calcolare ICM.
Per calcolare i cambiamenti nell’ equity del montepremi e ricavare quale azione e’ la piu’ profittevole, dovremo calcolare tre cose :

  1. La nostra equity se calliamo e vinciamo.
  2. La nostra equity se calliamo e perdiamo.
  3. La nostra equity se foldiamo.

Nei calcoli seguenti omettero’ di includere i blinds. Potrei farlo, ma per ora credo sia piu’ facile per voi comprendere meglio le cose senza considerarli.

 

La nostra equity se calliamo e vinciamo

Se calliamo e vinciamo, il nostro stack di chips aumenta a 4,000 ed il giocatore B viene eliminato.
Utilizzando il calcolatore ICM, ricaviamo quale sarebbe la nuova distribuzione di equity del montepremi :

  • Giocatore A: (4,000 chips) = $35.49 equity. ← La nostra equity nel montepremi se calliamo e vinciamo.
  • Giocatore B: (0 chips) = $0 equity.
  • Giocatore C: (2,500 chips) = $30.51 equity.
  • Giocatore D: (3,500 chips) = $34 equity.

 

La nostra equity se calliamo e perdiamo

Se perdiamo siamo eliminati dal torneo, quindi come potete indovinare la nostra equity nel montepremi diventa $0.
Ecco come diventerebbe la distribuzione dell’ equity nel montepremi :

  • Giocatore A: (0 chips) = $0 equity. ← La nostra equity nel montepremi se calliamo e perdiamo.
  • Giocatore B: (4,000 chips) = $35.49 equity.
  • Giocatore C: (2,500 chips) = $30.51 equity.
  • Giocatore D: (3,500 chips) = $34 equity.

 

La nostra equity se foldiamo

Se foldiamo, la nostra equity diminuisce leggermente a causa delle 200 chips che abbiamo postato dal big blind.

  • Giocatore A: (1,800 chips) = $20.29 equity. ← La nostra equity nel montepremi se foldiamo.
  • Giocatore B: (2,200 chips) = $23.48 equity.
  • Giocatore C: (2,500 chips) = $25.50 equity.
  • Giocatore D: (3,500 chips) = $30.73 equity.

 

#3 Calcolare se il callare aumenta la nostra equity nel montepremi

Quindi in definitiva, quale azione e’ la piu’ profittevole ? Callare o foldare ?

Se foldiamo, la nostra equity scende a $20.29.

Se calliamo, il 63% delle volte aumenteremo la nostra equity fino a $35.49 mentre il 37% delle volte la nostra equity scendera’ a $0.
Dobbiamo quindi calcolare la nostra equity media nel montepremi se calliamo :

Equity nel montepremi totale = (0.63 * 35.49) + (0.37 * 0) = $22.36.

Quindi, confrontiamo le due :

  • Folding = $20.29.
  • Calling = $22.36.

Come potete vedere, la nostra equity nel montepremi aumenta maggiormente callando questo all-in.
Ne consegue che callare con ATo contro una mano random e’ piu’ profittevole del foldare nel lungo periodo.
Anche se in media ogni volta in cui calliamo guadagnamo soltanto $2.07, callare rimane la giocata ottimale in questa particolare situazione.

Se la vostra equity nel montepremi diminuisce callando, dovete foldare.
Se la vostra equity nel montepremi aumenta callando, dovete callare.

 

Conclusioni

Ora, so cosa state tutti pensando… come posso calcolare tutto questo nel mezzo di un torneo ? Bene, in tutta onesta’ non potete, ma questo non significa che studiare l’ ICM non ha alcun valore.

Analizzare le decisioni prese durante la sessione di gioco durante la fase di studio utilizzando l’ independent chip model e l’ equity nel montepremi aiuta a migliorare il proprio gioco ed a familiarizzare con le situazioni vicine alla bolla.

L’ ICM e’ fondamentalmente la teoria dietro alla questione comune del “vale la pena rischiare tutte le mie chips in questo spot ?”. Approfondendo la conoscenza dell’ ICM riuscirete ad eseguire la giocata migliore in molte situazioni complesse.

Ripeto i due concetti piu’ importanti nell’ uso dell’ ICM :

Se la vostra equity nel montepremi diminuisce callando, dovete foldare.
Se la vostra equity nel montepremi aumenta callando, dovete callare.

Facile, vero ?

 

Fonte : http://www.thepokerbank.com/strategy/tournament/icm/how/

Cbet

Continuationbet nasce nel 2007 con lo scopo di offrire ai propri utenti gli strumenti necessari per migliorare le priprie abilità nel gioco del poker online e fornire promozioni e bonus esclusivi. Seguici anche sul primo poker online forum italiano.