PDA

Visualizza Versione Completa : Situazione betting .com EU ed extra EU



Alien Beamen
25-07-2012, 22:52
Come da richiesta apro nuovo 3D per capire meglio alle soglie di settembre quale sia la situazione....

Il fine è capire molto semplicemente se

1 - si può bettare EU ed extra EU

2 - sotto quali condizioni

il tutto senza infrangere la legge.

Alien Beamen
25-07-2012, 22:53
scusate OT ma a Caccamo non posso contattarlo a Ryu non volevo rompere le palle.

si è parlato nelle vostre parole del giocare sui .com si è parlato di una soglia oltre la quale vanno denunciati e pagate le tasse presumo. siccome la cosa è ancora molto fumosa (diciamo che non ci ho capito una mazza ancora)

chiedo se sia possibile bettare fare scommesse betting serio su .com

quale sia la soglia di vincita da denunciare annuale

se vale stesso discorso per book che risiedono non all'interno della UE, per esempio Giamaica o similari...dubito ma chiedere non costa nulla.

se sapete qualcosa grazie


scusate OT


quale sia la soglia di vincita da denunciare annuale


A seconda del resto della tua dichiarazione dei redditi, tra i 3k e i 7k l'anno.


pure a me interessa risposta


Credo la soglia di esenzione sia 5k se non hai dichiarazione.


OT: la soglia è 4.800 euro se non possiedi altri redditi.


quindi posso bettare su bookmaker giamaicano e se nn arrivo a vincere (cashout-depositi) 4.8k o se ho altro reddito diciamo tipo 3k (a non voler essere esatti e giusto per capire) NON DEVO NULLA allo Stato italico e sono limpido e pulito?


CREDO di sì, ma è cmq molto meglio se ti rivolgi a un avvocato fiscalista, o commercialista, o professionista abilitato analogo per avere conferma.

BRRRRRRRRRR

Suspence

Suspence
31-07-2012, 09:46
Sull'argomento mi sembrano molto interessanti le considerazioni di Luisgallo nell'altro thread:

http://forum.continuationbet.com/f16/fulltilt-back-40145/index7.html#post804781

Mi pare di capire che anche prelevando con mb da una .com non si può escludere a priori di essere soggetti ad un controllo fiscale, e anche se nel caso si può uscirne senza troppi danni, la cosa non è poi così automatica e scontata, ne deduco che il gioco non vale la candela...

Magikarp90
02-11-2012, 13:41
Vi posto un paio di spunti interessanti sul bettare sui .com

inizia a leggerti sta roba n alcuni paesi appartenenti all'Unione Europea è ancora assente, o è in una iniziale fase di studio, una normativa trasparente in materia di betting online. Numerosi paesi, trascurando l'appartenenza a un mercato comune regolato da appositi trattati, continuano ancora oggi ad arroccarsi su posizioni monopoliste o volutamente oligopolistiche, tendendo ad inibire o a limitare l'accesso al mercato da parte di aziende che già operano su altri mercati nel pieno rispetto delle regole e della tutela del cliente.
Con le sentenze "Gambelli" e "Placanica", già recepite dai tribunali degli stati membri, la Corte di Giustizia Europea ha di fatto legittimato l'operato di tutte quelle società , che dopo aver superato i rigidi requisiti imposti dagli stati presso cui hanno la sede legale, sono in possesso di una regolare licenza di bookmaker.
La Corte ha affermato che uno Stato membro non può inibire o limitare l'accesso dei suoi cittadini a servizi di gioco online, regolarmente riconosciuti in un altro paese membro, se contemporaneamente continua ad "invitare" i suoi cittadini a partecipare a lotterie, giochi d'azzardo e scommesse statali, con l'unico fine di tutelare le casse dello Stato.
La normativa Europea, correttamente interpretata dalle statuizioni della Corte di Giustizia Europea, sancisce pertanto come sia perfettamente legittimo e privo di rilevanza penale per un cittadino europeo, utilizzando un percorso telematico, scommettere presso un bookmaker europeo munito di regolare licenza.



Ciao Manuel, puoi stare tranquillo, perche' tu essendo uno cittadino facente parte della comunità europea, usufruisci dei servizi di un azienda (bet365), che ha ottenuto una licenza Europa per le scommesse, quindi in base alla direttiva 2006/123/CE, nessun stato puo impedire ad una azienda con licenza europea di avere clienti Italiani, Francesi, ecc..., e nessun stato della comunità può rendere arbitrariamente "fuori legge" una ditta facente parte dell'unione solo perche' fa' concorrenza al proprio monopolio. Quindi puoi usufruire dei servizi di bet365 senza problemi.
Ti ricordo che sul territorio Italiano, ci sono migliaia di punti scommesse (in realtà si chiamano C.E.D) senza licenza AAMS (globet, planetwin365, ecc...), che operano tranquillamente in concorrenza con i punti Snai ad esempio. Se fosse quindi illegale scommettere su siti o nei punti scommesse senza licenza AAMS, questi non potrebbero stare aperti in Italia... anche se a volte tentano di farli chiudere, entro 10-15gg il giudice di turno li fa riaprire subito, sempre in base all legge europea citata sopra.
L'unico problema potrebbe venire dal lato FISCALE, infatti se hai la fortuna di fare una vincita cospicua (sopra i 10.000€), questa vincita, una volta versata sul tuo conto corrente, dovrà essere dichiara nella tua dichiarazione dei redditi tramite il modello UNICO sotto la voce "redditi diversi", per maggiori info, puoi seguire questo link: Casino' on line: la tassazione delle vincite - Studio Casuscelli (http://www.studiocasuscelli.it/index.php/2011-08-19-13-59-21/item/215-casino-on-line-la-tassazione-delle-vincite) . Quindi se dichiari le eventuali grosse vincite, non corri nessun pericolo di nessun genere.
Il problema e che alcuni riscuoto belle vincite senza dichiarare... poi comprano una casa o un auto nuova correndo il rischio di essere denunciati per evasione fiscale..

Casino' on line: la tassazione delle vincite - Studio Casuscelli
Commercialista Vibo Valentia Calabria - Studio Casuscelli (http://www.studiocasuscelli.it)
Agevolazioni prima casa


grazie mille per la risposta........ la domanda era perchè mi ero informato da un avvocato e questo mi aveva riferito che rischiavo molto a giocare su di un sito senza licenza amms, ovvero una multa mille volte la mia puntata.........,quindi tu mi confermi al 100 per cento che un cittadino italiano (tolto il discorso fiscale.... sarei ben contento di dichiarare una vincita di 10 mila euro)puo giocare legalmente senza nessun rischio? scusa se ti rifaccio la domanda ma nn vorrei assolutamente trovarmi in brutte situazioni....!!!! un ultima domanda nel palinsesto italiano si potra scommettere live sui servizi di tennis?
Scritto da: manuel | 30/10/2012
Rispondi a questo commento
Il tuo avvocato, Manuel, si riferiva a una proposta di legge avanzata l'anno scorso da alcuni parlamentari, una proposta che è stata subito scartata, perchè era palesemente contraria alle vigenti leggi comunitarie circa quell'argomento(e come si sa', le leggi UE hanno prevelenza sulle leggi italiane).
Poi rifletti:
1 - la legge ti permette di dichiarare le eventuali vincite fatte sui siti ".com", mediante apposito modulo (il modulo RL) nel modello UNICO... (che senso avrebbe... se fosse proibito scommetterci...)
2- la legge permette di aprire in Italia punti scommesse (o CED) ad aziende come: Stanley Bet, Goblet e Planetwin365 che non hanno licenza AAMS, e sono migliaia sparsi in tutto il nostro territorio... (che senso avebbe... hai mai visto i finanzieri a fare multe del 1000% ai giocatori che escono da tali centri scommesse?)
Su questo puoi stare tranquillo. Il problema è sempre di natura fiscale, questa proposta di legge, che non è andata avanti, era stata avanzata solo per il fatto che molta gente che giocava sui ".com" non dichiarava le belle vincite... Ma sempre in base alla direttiva 2006/123/CE, una legge del genere verrebbe annulata immediatamnete da una sentenza della corte europea.
Fra l'altro l'AAMS ha perso anche un'importante causa contro Stanley Bet, sia davanti alla corte europea, che in corte di cassazione a Roma, perche' voleva impedire a Stanley Bet di aprire i suoi punti scommesse in Italia...